Connettiti con noi

Milanello

Kalinic afflitto dalla pubalgia, l’affare di Mirabelli si rivela beffa

Pubblicato

su

Nikola Kalinic non è stato convocato per la trasferta di Ferrara oggi a causa di una pubalgia palesatasi già nella scorsa settimana, il problema per il croato potrebbe essere più complicato del previsto. Ora l’affare che lo portò al Milan in estate rischia di diventare una vera e propria beffa

Le parole di Gennaro Ivan Gattuso ieri in conferenza stampa hanno confermato la volontà del Milan di voler tutelare Nikola Kalinic in vista dell’intenso mese che vedrà i rossoneri competere per le tre competizioni stagionali. Purtroppo però la pubalgia che ha afflitto il centravanti croato del Milan potrebbe essere meno gestibile del previsto e costringerlo ad essere utilizzato con il contagocce proprio per evitare frequenti ricadute come accaduto in passato con Kakà. In questa luce l’acquisto di Kalinic effettuato in estate per 25 milioni di euro rischia di assumere sempre più le sembianze di una grande beffa visto anche lo scarso rendimento fin qui dimostrato dall’attaccante ex Fiorentina autore di soli 4 gol e 5 assist in 24 partite.

Oggi contro la SPAL Gennaro Gattuso avrebbe scelto Patrick Cutrone come centravanti titolare da affiancare al tandem di esterni offensivi Calhanoglu e Suso; nelle prossime partite a staffettare col numero 63 milanista sarà quasi sicuramente André Silva, titolare poco convincente la scorsa settima contro l’Udinese, probabilmente utilizzato in Europa League giovedì per mantenere il proprio status di capocannoniere della competizione. Per Kalinic una brusca discesa nelle gerarchie offensive del tecnico calabrese con la speranza di recuperare da uno degli infortuni potenzialmente cronici che hanno afflitto la carriera di tanti, troppi calciatori.