Ibrahimovic: «Wenger al Milan? Più probabile il mio ritorno in rossonero»

Ibrahimovic
© foto www.imagephotoagency.it

Ibrahimovic apre ad un ritorno al Milan e conferma la sua volontà di vestire la maglia di un club in cui possa fare la differenza

Zlatan Ibrahimovic è tornato a parlare del suo futuro, che potrebbe essere comunque lontano dagli USA nonostante l’apertura al rinnovo con i Los Angeles Galaxy e le parole del presidente del club di MLS. Lo svedese in una intervista al quotidiano L’Equipe ha lasciato intendere che sarebbe felice di tornare a giocare in Europa e tra le tante squadre pronte ad accoglierlo ci sarebbe anche il Paris Saint Germain. I parigini non lo vorrebbero in campo ma dietro una scrivania. L’attaccante di Malmo non ha però nessuna intenzione di diventare dirigente senza assumere un ruolo di primaria importanza. «Al PSG vogliono che lavori per il club per fare quello che voglio. Perché se torno a Parigi è per essere il capo, è l’unico modo, non esiste un altro ruolo per me. Non è per adesso, io sono ancora un calciatore in attività e voglio continuare a giocare. Quando sceglierò cosa fare, informerò il mondo», ha detto Ibrahimovic.

Lo svedese è anche tornato a parlare di Milan e delle voci di mercato che circolano sul club. In particolare, l’attaccante dei Galaxy ritiene improbabile che Arsene Wenger possa sedersi sulla panchina rossonera e nel contempo apre al suo ritorno. «Penso che sia più probabile che torni io al Milan rispetto a Wenger. Non ce lo vedo proprio a intraprendere questa sfida. Ho avuto molte richieste dall’Europa, ma ho bisogno di qualcosa che mi stimoli, voglio andare in un club dove possa fare la differenza», afferma Ibrahimovic. Il direttore generale rossonero Leonardo ha contatti continui con il bomber di Malmo ma pare che le richieste economiche di quest’ultimo abbiano dato una brusca frenata alle trattative. L’alternativa più credibile ad oggi è sempre Alexandre Pato.

Articolo precedente
William CarvalhoGattuso stregato da William Carvalho: l’uomo giusto per sistemare il centrocampo
Prossimo articolo
MilanVerso Milan-Juventus: il punto sugli infortunati rossoneri