Connettiti con noi

Editoriali

Ibrahimovic, una punizione alle critiche: è lui l’adrenalina del Milan

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

Zlatan Ibrahimovic ha risposto presente anche ieri sera contro il Genoa dopo le critiche ricevute post Sassuolo: sesto goal in 7 partite

Ancora e sempre Zlatan Ibrahimovic. Nella notte, quella di Marassi, che consacra definitivamente Junior Messias, il centravanti svedese non ha voluto essere da meno giocando un’ora a livelli altissimi e sbloccando la gara con una punizione pennellata dai venticinque metri. Il classe ’81 fisicamente sembra stare addirittura meglio dello scorso anno e soprattutto continua a viaggiare a medie goal pazzesche: sono sei in sette partite di campionato.

Un fattore ancora tremendamente decisivo, con Pioli costretto a centellinarlo in un periodo in cui l’infortunio di Giroud, l’inconsistenza di Pellegri e le tante partite ravvicinate costringono il Diavolo ad un vero tour de force. Oggi esce il suo libro, Adrenalina. Ed è proprio l’adrenalina il propellente che tiene vivo Zlatan e gli permette di performare a questi livelli a 40 anni. Con buona pace degli scettici di professione che alla minima gara poco sotto la sufficienza si affannano nel farci credere che Ibra sia finito, bolso, arrivato, non più utile per questo Milan e questo calcio.

Una sorta di molla psicologica per lo svedese che prontamente ricorda a tutti che il più forte è ancora lui. I rossoneri se lo godono, pronti a prolungare anche il suo contratto per un ulteriore stagione. I dialoghi sono già partiti con le parti profondamente convinte di portare avanti un progetto che sta facendo passi da gigante attorno alla figura dell’immarcescibile fuoriclasse svedese. Un fuoriclasse infinito, un campione che manipola il tempo a proprio piacimento ricordandoci ogni giorno che l’età è solo un numero. E i numeri non mentono: per lo scudetto si passa inevitabilmente dalla magia di Ibracadabra.