Corriere Sera, Scaroni: «Il governo parli con gli atti non con le interviste»

Scaroni
© foto Paolo Scaroni, presidente del Milan

Corriere della Sera : martedì 10 marzo, Paolo Scaroni interviene sull’aspetto politico riguardante l’emergenza coronavirus

Sull’emergenza coronavirus e su cosa fare in questi casi: «Io non sono un esperto, ma il governo attraverso il decreto della presidenza del Consiglio dei ministri ha preso delle decisioni riguardo al calcio incentrate sulle porte chiuse. Se la situazione è migliorata o se è cambiato qualcosa, è sempre il governo a decidere il da farsi. Se dopo aver chiuso pub e teatri, vogliono chiudere anche il Calcio, noi ci adegueremo».

Sulla politica: «Non voglio dare giudizi negativi, d’altronde è una situazione particolare mai verificatasi negli ultimi anni, quindi mi astengo sul giudicare, anche se i governi in queste situazioni di allarme devono parlare più per atti non per interviste».

Sulle porte chiuse: «Su Milan-Genoa non mi esprimo, però è relativamente poco bello vedere uno stadio così grande essere ridotto ad una manciata di persone. Se dovessero aggiungere anche questa privazione nei prossimi mesi lo faremo, anche se è rammaricante tale situazione».