Come i bookmakers vedono il mercato del Milan

© foto www.imagephotoagency.it

Il campionato della Serie A 2020/21 è iniziato nonostante tutta la situazione che stiamo vivendo, tra dubbi e problemi, alla ricerca di un ritorno alla normalità per questa stagione sportiva tanto attesa.

La data iniziale è stata il 19 settembre, con molti club che hanno chiesto la posticipazione e il Napoli che chiedeva addirittura un ritorno in campo ad ottobre.

Il calciomercato estivo è stato molto attivo, con le fasi preliminari delle coppe europee per molte società calcistiche, come ad esempio il Milan, impegnato il 17 settembre con l’Europa League. 

In attesa di alcune conferme prosegue il lavoro dei dirigenti sportivi del club rossonero, con i bookmakers dei migliori casino online che offrono alcune indicazioni sulle possibili operazioni. I nodi da sciogliere sono stati molti per la squadra di Pioli, tra rinnovi in via di conferma e alcuni possibili acquisti per rafforzare la rosa in vista dei tanti appuntamenti della nuova stagione. 

Il rinnovo di Calhanoglu

Sul rinnovo di Hakan Calhanoglu sembra proprio che i bookmakers avevano ragione, dando per scontata la conferma del giocatore turco al Milan anche per la nuova stagione. Il trequartista dovrebbe firmare il nuovo contratto a giorni, nonostante le richieste arrivate da alcuni importanti club in Germania, tuttavia il giocatore ha più volte affermato la volontà di rimare in Italia e di dare priorità al Milan.

Il rinnovo, tuttavia, non è così scontato, in quanto si fanno sempre più insistenti voci di una richiesta troppo alta per il club, passando dai 2,5 milioni l’anno ai 6,5 milioni. 

Ovviamente non è stato ancora trovato l’accordo ufficiale, infatti l’agente del calciatore è in trattativa con i dirigenti del club rossonero, con l’obiettivo di estendere il contratto almeno per altre 3 stagioni fino al 2024. La proposta del Milan però non sarebbe in linea con le richieste economiche di Calhanoglu, con un’offerta ritenuta troppo bassa di 2,5 milioni di euro netti all’anno più bonus, viste le performance nel finale di stagione del giocatore turco tra i migliori insieme a Ibrahimovic e Rebic. 

La lunga attesa per la conferma di Ibrahimovic

Altra operazione sotto i riflettori per il calciomercato del Milan è il rinnovo di Zlatan Ibrahimovic, sebbene le due parti abbiano dichiarato l’intenzione di proseguire con il rapporto anche nella prossima stagione. Il calciatore è famoso per lasciare dirigenti e appassionati in attesa fino all’ultimo momento, come già avvenuto più volte durante la gestione Galliani. Lo stesso Ambrosini ha ribadito come sarà importante per la squadra continuare con Ibrahimovic per un altro anno, per cercare di vincere almeno un trofeo. 

Il giocatore svedese ha richiesto un contratto annuale di 7,5 milioni di euro netti per la stagione 2020/21, mentre il Milan rimane fermo sull’ultima proposta di 6 milioni netti per l’ingaggio più bonus, un accordo non molto lontano ma che richiederà necessariamente uno sforzo in più da parte del club rossonero. Sicuramente si tratta di molti soldi per un calciatore di 38 anni, tuttavia Zlatan ha dimostrato di valere ancora queste cifre a suon di gol e di prestazioni di altissimo livello.

L’incertezza sulla conferma di Donnarumma 

Un altro nodo da sciogliere per il Milan è il rinnovo di Gianluigi Donnarumma, operazione che viene vista con un esito positivo da parte dei principali bookmakers, con quote che prevedono un possibile accordo tra il club rossonero e il giocatore. Il calciatore ha un contratto in scadenza nel 2021, quindi i dirigenti devono fare attenzione per non rischiare di perderlo il prossimo anno, quando potrebbe decidere di lasciare la squadra e ottenere un ingaggio più elevato altrove.

Su tutti c’è il pressing del Real Madrid, un’indiscrezione arrivata direttamente dalla Spagna, con il club madrileno che sarebbe intenzionato a prendere il portiere a parametro zero. Sicuramente il rinnovo di Donnarumma per il Milan è davvero fondamentale, allo stesso tempo il calciatore ha già un ottimo contratto con uno stipendio di 6 milioni di euro netti a stagione, ingaggio che probabilmente andrà ritoccato per non rischiare di perderlo il prossimo anno.