Connettiti con noi

News

Sky, dopo André Silva boccia anche Kalinic: «Non gioca neppure nella Croazia»

Pubblicato

su

Ascolta la versione audio dell'articolo

«Nikola Kalinic non è un attaccante da Milan», le parole di Bergomi sanno già di bocciatura al calciomercato operato da Mirabelli

Continuano le critiche riguardo il calciomercato operato da Massimiliano Mirabelli in estate, soprattutto quello operato nel settore avanzato. Dopo le dure parole espresse da Fabio Caressa nei confronti di André Silva, poi rimangiate dallo stesso telecronista sportivo (leggi qui); ieri sera nel corso di Sky Calcio Club, Beppe Bergomi, voce del commento tecnico che ha accompagnato Caressa in innumerevoli telecronache, ha palesato i propri dubbi riguardo Nikola Kalinic: «Siamo sicuri che Kalinic sia da Milan? Non incide, e anche in nazionale croata non è un titolare fisso. Non sono sicuro che sia lui l’acquisto giusto per l’attacco, per me è un acquisto rimandato per questo Milan».

Arrivato per 20 milioni di euro dalla Fiorentina, Kalinic con la maglia rossonera ha fin qui collezionato 11 presenze e realizzato 3 gol e 2 assist che lo fanno classificare ultimo per reti fatte nella mini-classifica degli attaccanti milanisti attuali essendo dietro sia ad André Silva (6 reti) e Cutrone (5). Con la maglia della Croazia, che Kalinic veste dal 2008, le presenze sono 37 e le reti 14, una ogni 1566′ minuti. Cifre che sicuramente non evidenziano il ruolino di marcia di un bomber di razza e che in parte giustificano lo scetticismo di Bergomi e altri opinionisti.