Connettiti con noi

HANNO DETTO

Milan Primavera, Giunti: «Rimprovero una sola cosa ai ragazzi»

Davide Lusinga

Pubblicato

su

Giunti

Al termine della vittoria contro il Torino, il tecnico del Milan Primavera Federico Giunti ha rilasciato qualche dichiarazione

Un Federico Giunti parzialmente soddisfatti al termine della vittoria del suo Milan Primavera contro il Torino. Ecco le sue dichiarazioni ai canali ufficiali rossoneri: «Poteva sembrare facile dopo il primo tempo e vuol dire che abbiamo fatto bene, l’abbiamo aggredita come volevamo perché se non fai così e fai passare il tempo le gare restano aperte e poi non sai come vanno a finire. Nel primo tempo i ragazzi sono stati veramente bravi a trovare soluzioni per mettere in difficoltà il Torino, abbiamo fatto dei gol, sbagliato un rigore e potevamo farne altri. Mi è piaciuto un po’ meno il secondo tempo perché dovevamo avere lo stesso atteggiamento del primo e continuare a giocare, quando non lo facciamo diventiamo una squadra normalissima. Se devo fare un appunto ai ragazzi è questo però il risultato l’abbiamo tenuto e alla fine va bene così. Muoviamo la classifica con questi tre punti che ci fanno contenti anche un po’ per il paragone delle stesse partite nell’andata dove avevamo perso 3 volte su 4, nella seconda parte della stagione siamo partiti bene. Siamo un po’ esigenti perché i ragazzi devono crescere sotto questi punti di vista, io ho giocato e so benissimo che un momento di rilassamento può succedere, in questi casi bisogna essere bravi a continuare il massimo e non fare la corsa in meno o quel tocco in più, adesso queste piccole cose fanno crescere ed è giusto che i ragazzi le mettono in pratica già adesso.»

«Aldilà dell’ aspetto tecnico, se devo fare proprio un confronto con l’anno scorso è l’agonismo in più che mettiamo in campo. Avevo dei dubbi da questo punto di vista perché è qualcosa che ci è mancato in passato e invece devo dire che lo abbiamo messo in tutte le partite, anche l’ultima contro la Juventus che abbiamo perso dal punto di vista dell’impegno e della concentrazione ci siamo sempre stati. Abbiamo unità di gruppo, ogni componente che scende in campo riesce tirar fuori il massimo di sè stesso, da questo punto di vista spesso siamo sempre stati etichettati come quelli che fanno belle cose, sono propositivi ma poi manca sempre qualcosa dal punto di vista dei particolari, siamo cresciuti veramente tanto.»

Advertisement