Genoa-Milan, ore15? Nulla di definitivo: attesa conferma

© foto www.imagephotoagency.it

Genoa-Milan al momento nel caos per via di una decisione che vede contrari molti pareri, soprattutto quelli dei tifosi di casa

Genoa–Milan alle 15? forse o forse no. Come è evidente c’è ancora molta incertezza intorno all’orario del match, inizialmente previsto in notturna dalle 21, poi anticipato alle ore 15 per problemi di ordine pubblico. Il giorno di Lunedì era stato stabilito per consentire al Milan un giorno di riposo in più, di ritorno dalla Arabia Saudita. I tifosi rossoblù non ne vogliono sapere di giocare alle 15 e dunque avrebbero chiesto lo spostamento della gara in notturna, come inizialmente programmato. Dopo la tragedia del Ponte Morandi, le istituzioni politiche genovesi avevano chiesto ai vertici del calcio di non fissare gare gare diurne nei giorni feriali. Così però non è stato. Il sindaco di Genova Marco Bucci ha chiesto lo spostamento della gara in notturna chiedendo di considerare anche le criticità correlate a questo orario per il quartiere di Marassi e per la viabilità del capoluogo, in una giornata nella quale fra l’altro è stato proclamato uno sciopero generali dei mezzi pubblici (giusto per non farsi mancare niente). I tifosi del Genoa minacciano lo sciopero in caso di conferma dell’orario.

LA RISPOSTA DELLA LEGA- La risposta di Gaetano Miccichè, presidente della Lega serie A, non si è fatta attendere. Una lettera per spiegare al sindaco Bucci l’origine della decisione in merito alla gara di campionato: «Mi trovo mio malgrado costretto a rappresentarle come la decisione di anticipare l’orario di disputa della partita, rispetto a quanto inizialmente previsto da questa Lega, sia dipesa esclusivamente da una precisa indicazione pervenuta dalle autorità responsabili della gestione dell’ordine pubblico, cui non abbiamo potuto fare altro che attenerci. Resta inteso, ovviamente, che in caso di modifica di tale orientamento non avremmo problemi a ripristinare quanto da noi originariamente programmato». La risposta dell’Osservatorio è attesa al massimo entro domani mattina.