Cutrone: troppa panchina, le sirene di mercato aumentano ma lui vuole restare

Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Domenica vedremo ancora Piatek in avanti, Cutrone freme e vuole giocare

Di sicuro non un periodo facile a livello personale, manca e tanto il campo a Patrick Cutrone. Il giovane attaccante, prodotto del vivaio, fatica a ritagliarsi spazio da quando a gennaio è arrivato Krzysztof Piatek. La media gol fornita dal polacco è impressionate, reti pesanti che hanno ridato fiducia a tutto il gruppo che ha raggiunto il terzo gradino in classifica. Gattuso, giustamente, al momento non rinuncia mai al peso offensivo del centravanti. Anche domenica, in occasione della grande sfida contro l’Inter, lo scenario dovrebbe ripetersi. Cutrone osserverà i compagni dalla panchina inizialmente, con l’obiettivo di entrare a gara in corso e fornire il supporto necessario per la vittoria finale.

Torino interessato al cartellino, le offerte non mancano

Le sirene di mercato non mancano per il numero 63. Nelle ultime settimane il pressing del Torino è cresciuto. I granata hanno chiesto in via Aldo Rossi qualche informazione in più riguardo l’attaccante. La formula più gradita è il prestito con diritto, anche se per il momento il Milan non è interessato a sedersi a un tavolo per discuterne. Troppo importante il suo apporto, Patrick è il presente e anche il futuro di questa società e sarebbe un errore farlo giocare con un’altra maglia. Il gruppo ha bisogno del “veleno” del ragazzo, cuore e sacrificio al servizio dei compagni, con un solo obiettivo in testa: ritornare presto tra le grandi d’Europa.