Connettiti con noi

News

Conferenza Hauge e Dalot: «Felici di essere qui, puntiamo al massimo»

Pubblicato

su

Conferenza Hauge e Dalot: dalle 13.45 a Milanello la presentazione ufficiale dei due nuovi acquisti del Milan

Conferenza Hauge e Dalot: a partire dalle ore 13.45 a Milanello la presentazione ufficiale dei due nuovi acquisti del Milan che risponderanno alle domande della stampa.


Conferenza Hauge

SFIDA DI EUROPA LEAGUE – «La sfida a San Siro con il Bodo/Glimt? E’ stato bellissimo perché per me è stata una grande esperienza in uno stadio come San Siro contro una squadra come il Milan. La scelta di tornare giocando con questa maglia era inevitabile».

AMBIZIONE – «Sì sono ambizioso ed è anche uno dei motivi che mi ha spinto a venire qui. Ci sono tanti grandi giocatori al Milan e devo fare sempre meglio ogni giorno se voglio migliorare».

NORVEGIA – «Penso che la Norvegia abbia molti giocatori giovani in crescita e tutti vogliono debuttare sul grande palcoscenico e lo stanno già facendo. Per me è un bel momento ma ho imparato molto dai miei connazionali».

DERBY – «Il derby è sempre una sfida speciale. Il mio ultimo l’ho giocato in Norvegia ma qui in Italia è stata un’emozione, farsi scortare dai tifosi è stata una grande emozione».

RUOLO – «Posso giocare in ruoli diversi: come ala sinistra, come seconda punta o trequartista. Sono un giocatore che ama giocare con la palla e divertirsi».

OSSERVATO – «Sì avevano fatto uno scouting in Europa e mi avevano puntato. Poi alle qualifiche di Europa League si sono avvicinati ancora di più, sanno quello di cui sono capace e mi hanno preso».

CONCORRENZA – «La concorrenza non mi spaventa, è positiva perché devo migliorarmi ogni giorno. Mi motiva e tiene viva la mia motivazione».

IL MILAN – «Cosa avrei risposto se mi avessero detto che sarei diventato un giocatore del Milan? Non vedo l’ora».

INTERESSE DEL CAGLIARI – «Sì è stato bello per me di poter performare contro una squadra forte come il Milan. Anche altri club italiani mi hanno cercato ma adesso sono felice e non voglio parlare di quel che sarebbe potuto essere».

OBIETTIVO – «Con la qualità dei giocatori possiamo raggiungere livelli elevati in questa stagione e io voglio far parte di una squadra ambiziosa che vuole giocare un bel calcio e sfondare nuovi limiti alzando l’asticella. Spero che questo sia l’inizio di tanti buoni anni a venire».


Conferenza Dalot

MANCHESTER UNITED – «Quando si gioca in un club importante si porta quelle esperienza anche nel nuovo club dove si va. Io penso che la cosa che ho imparato in Premier League mi aiuterà a giocare in un club con il Milan, sono due club allo stesso livello».

QUALITAE DIFETTI – «Come calciatore c’è sempre qualcosa da migliorare, bisogna continuare a lavorare dove si è già bravi e migliorare dove non si è ancora perfetto. Sono un giocatore che ama impegnarsi e sto cercando di mantenere le mie qualità e migliorare se ho dei difetti. Ovviamente quando si ha davanti una carriera da calciatore ci sono degli aspetti sempre da migliorare».

FASE DIFENSIVA – «Debbo lavorare sulla difesa ma anche sulle mie doti da attaccante e mi trovo nel club giusto. Voglio mantenere questo approccio, perché quando si arriva in una squadra come questa bisogna avere la mentalità giusta. Questo è un ottimo campionato per migliorare alcuni aspetti per diventare un giocatore più completo».

DERBY – «Andando verso lo stadio ero senza parole, ho visto centinaia di persone che ci sostenevano. Si va negli spogliatoi e ci si sente più forti dopo aver assistito a scene del genere. Questo è lo spirito del Milan: tu sei dentro lo stadio e senti le urla che vengono da fuori. Questo è fantastico. Spero di riuscire a vedere i fan a San Siro nel corso di questa stagione».

LEAO – «Leao è un ottimo giocatore e credo possa essere molto utile al Milan nel corso di questa annata».

RUOLO – «Nella mia breve carriera ho giocato in diversi ruoli sia a sinistra che a destra. Dopo qualche anno posso dire che la posizione che mi va più a genio è quella di terzino destro ma come dicevo sono sempre aperto a nuove soluzioni».

FIRMA – «Quando ho firmato per il Milan, ovviamente avevo voglia di conseguire ottimi risultati qui. E’ stato fantastico e la mia testa è al 100% a Milano adesso. Spero di poter fare grandi cose e conseguire quello che vogliamo conseguire come squadra».

INTERESSE DI ROMA E EVERTON – «Appena ho sentito che il Milan era interessato, fino agli ultimi giorni del mercato sono stato felice. Ero un po’ in ansia sulla decisione finale ma ora mi ritengo soddisfatto della scelta fatta perché ho sempre voluto firmare per il Milan».

IDOLO – «Sono cresciuto guardando tanti bravi calciatori: Dani Alves è stato di ispirazione, mi ha alimentato a giocare in questa posizione».

OBIETTIVO – «Ci muoviamo step per step, abbiamo avuto un’importante vittoria e ovviamente non possiamo essere a nostro agio dopo quanto accaduto in passato. Ci concentriamo sull’Europa League e poi penseremo alla Roma».