Braida al Milan, ecco le parole di Adriano Galliani: «Lo considero un fratello»

Ariedo Braida
© foto Ariedo Braida, dirigente storico del Milan di Berlusconi

Galliani ricorda la leggendaria collaborazione con Ariedo Braida che il prossimo anno potrebbe fare il proprio ritorno al Milan

Intervistato da il Messaggero, Adriano Galliani ha parlato anche del proprio storico braccio destro Ariedo Braida, nuovamente vicino ad un ritorno al Milan con Rangnick:

«Ariedo lo conosco da novembre del ‘75 quando lo scambiammo nel mercato con Peressin che andò al Palermo e lui venne al Monza. Un mese dopo venimmo a vincere a Udine per 1-0, si giocava ancora al Moretti. A fine stagione fummo promossi in B. Ariedo, terminata la carriera nel Sant’Angelo Lodigiani, venne a fare il ds al Monza, nel 1984 lavorò all’Udinese, poi quando Berlusconi prese il Milan mi raggiunge in rossonero. Il presidente voleva Italo Allodi come ds e mi ripeteva sempre: “Ariedo? Ma Ariedo chi?”. Alla fine la spuntai io. Braida ha fatto un lavoro straordinario, ha portato tanti campioni al Milan. Lo considero come un fratello».