Bennacer in versione Torreira, le somiglianze tra i due pupilli di Giampaolo

© foto www.imagephotoagency.it

Ismael Bennacer ha caratteristiche molto simili a Torreira. La scelta di Marco Giampaolo ha delle basi solide, ora la parola al campo

Da qualche ora Ismael Bennacer è diventato ufficialmente un giocatore del Milan. Marco Giampaolo ora può abbracciare il proprio pupillo che presto entrerà a pieno regime insieme ai compagni. Il giocatore ha bisogno di ambientarsi e di recuperare dalle fatiche di Coppa d’Africa (campione con l’Algeria ed eletto migliore giocatore del torneo), ma il tempo stringe e il campionato è alle porte.

Come noto, i rossoneri nelle scorse settimane avevano tentato l’assalto a Torreira trovando però l’opposizione dell’Arsenal. In maniera intelligente la dirigenza milanista ha virato su un centrocampista che può fare molto bene con il nuovo mister. Senza dubbio fra l’obiettivo mancato e quello centrato vi sono molte somiglianze. L’algerino è un regista con il baricentro basso, dinamico e robusto esattamente come il giocatore dei Gunners. Bennacer preferisce giocare palla a terra e in verticale, raramente con lanci lunghi nonostante le buone qualità tecniche. Anche Torreira con Giampaolo ha imparato a giocare con passaggi rasoterra per aprire gli spazi, quasi mai con aperture a tutto campo.

Entrambi i giocatori sono dei registi atipici perché preferiscono evitare di stare spalle alla porta come i principali colleghi in stile tiki taka. Testa alta (del resto è questo il diktat di Giampaolo) e veloci verticalizzazione per evitare inutili temporeggiamenti, continuo supporto ai compagni di difesa in fase di ripiegamento.

Un’altra somiglianza riguarda lo stile di gioco in fase offensiva. Sia Bennacer che Torreira, pur non avendo grandi doti realizzative, non rimangono ancorati davanti alla difesa (Un po’ alla Biglia per intenderci), ma spesso si spingono fino alla trequarti spaccando il gioco. Speriamo che Giampaolo con Bennacer riesca a rifare ciò che abbiamo ammirato con Torreira ai tempi della Sampdoria. I presupposti ci sono tutti.