Milan, Borini o Paquetà? Il brasiliano sta per rientrare…non più da mezz’ala

Paqueta
© foto www.imagephotoagency.it

Milan, molto bene con la Lazio, ora si lavora per mantenere questi standard, nella speranza di recuperare Paquetà per la Coppa Italia

Milan alle prese con il dopo Lazio, la prima delle due battaglie ravvicinate termina in favore dei rossoneri che ora dovranno completare l’opera, ripetendo l’ottima gara di campionato magari con un ulteriore cambio, previo recupero lampo. Parliamo di Paquetà, fuori per infortunio ma a lavoro proprio per la sfida di Coppa Italia del 24 Aprile. Passi avanti rispetto alla tabella di marcia per il brasiliano, l’ex Flamengo corre già sulla sabbia a Milanello e quasi certamente sarà convocato mercoledì 24 aprile, probabilmente per ricoprire il ruolo di esterno d’attacco dove ora risiede Borini. Molto buona la prestazione del ragazzo in quella posizione, meglio di Calhanoglu che a sua volta mostra ottime doti ed attitudini nel ruolo di mezz’ala, all’occorrenza anche di trequartista.

DUBBI PER GATTUSO- Borini o Paquetà? Difficilmente Gattuso sposterà Calhanoglu per far posto al brasiliano, l’impostazione attuale funziona, nonostante si fatichi ancora a trovare il goal. Le conclusioni a rete sono aumentate, così come la mole di gioco prodotta nell’arco dei 90 minuti. Paquetà esterno d’attacco potrebbe essere il piatto forte per Piatek che con il brasiliano avrebbe forse un apporto maggiore, nonostante l’entusiasmo nei confronti di Borini, il quale già contro la Juve da quella parte se l’era cavata benissimo e senza far rimpiangere Castillejo, uscito un po’ adirato ieri sera dallo stadio.

ABBONDANZA BUON SEGNALE- Dunque tra una decina di giorni Paquetà potrebbe essere di nuovo disponibile, Gattuso dovrà sfruttare al meglio l’abbondanza sulla corsia esterna di sinistra, mentre per quella di destra tiene ancora banco la questione Andrea Conti, ieri pronto ad entrare ma poi scavalcato nelle preferenze da Laxalt, il quale ha sostituito Calabria, ancora un po’ sotto tono fisicamente. Laxalt ad un certo punto si è fatto 50 metri di campo per ad andare a sorprendere il portiere avversario fuori dai pali, uno scatto in velocità pazzesco che forse avrebbe meritato qualcosa di più, ad ogni modo un uno contro uno con il difensore avversario che ha fatto alzare in piedi tutto lo stadio, bravo!