Gazidis sul razzismo: «Il calcio è l’esempio di come si possa lavorare insieme superando i confini»

Gazidis
© foto Ivan Gazidis, ad del Milan

L’amministratore delegato rossonero Ivan Gazidis ha detto la sua su una tematica delicata come quella del razzismo

Ivan Gazidis, amministratore delegato rossonero, ha detto la sua sulla tematica del razzismo in un’intervista rilasciata a “Leaders in Sport”:

«La cosa interessante del calcio è che riflette la società ma allo stesso tempo guida quest’area. Un mio motto personale è che il pregiudizio è il nemico della prestazione. Da una parte possiamo parlare di questo tema come un problema della società, che basterebbe, basterebbe parlarne come problema della società ed è un problema che dobbiamo assolutamente affrontare come società. Però è anche un problema di prestazione, perché le organizzazioni che sono meno diverse e meno inclusive, performano peggio. Credo che sia una cosa molto interessante del calcio, dove si vede molto chiaramente, perché queste sembrano solo parole ma quando pensi ad una squadra di calcio, ha giocatori di ogni colore, ogni origine, religione e orientamento sessuale. E’ un gruppo di persone molto diverse, che lavorano insieme per un obiettivo comune. Come esempio visivo di cosa la diversità e l’inclusione possano essere, il calcio è una rappresentazione fantastica per tutto il mondo, per la società, di come le persone possano lavorare insieme superando tutti i confini. Ma se hai un pregiuzio in un club calcistico, immagina cosa succederebbe se eliminassi uno di questi gruppi, anche solo a livello subconscio, le tue prestazioni ne soffrirebbero. Rimuoveresti alcuni dei giocatori migliori che potresti avere, alcuni dei leader migliori che potresti avere in campo».