Borghi: «Theo Hernandez? Un terzino che fa la differenza, ma…»

Theo Hernandez
© foto www.imagephotoagency.it

Stefano Borghi ha voluto commentare le doti eccezionali di Theo Hernandez sottolineando però un suo piccolo difetto

Ecco le parole di Stefano Borghi a DAZN in merito all’esplosione di Theo Hernandez con la maglia del Milan in questa stagione di Serie A.

«La più grande ambivalenza in quello che è oggi il calciatore Theo Hernandez si ha fra i bonus che offre e i malus che presenta. Offensivamente è un terzino che fa la differenza, praticamente un attaccante aggiunto, il Milan non aveva un laterale sinistro che segnava così tanto dai tempi di Serginho, non aveva un terzino così prolifico da quasi 25 anni, dai tempi di Panucci. Addirittura ha messo nel mirino il mito di Maldera. Però nella parte dietro, quando deve difendere il risultato, è uno che spesso inciampa, a volte te la combina, trascende anche nell’agonismo del suo gioco con qualche cartellino di troppo. Per diventare un grande terzino sinistro per essere degno della scelta del più grande terzino sinistro di tutti i tempi, deve imparare ad abbinare ad un potenziale indiscutibile il controllo. Se lo farà, Theo Hernandez potrà davvero abbattere ogni muro»