Bakayoko, Ielpo: «Si al riscatto, sarebbe una buona cosa ma prima la Champions»

Bakayoko
© foto www.imagephotoagency.it

Bakayoko si o no, continua il dilemma relativo al riscatto del centrocampista francese, protagonista quest’anno nel bene e nel male

Bakayoko fuori con la Fiorentina, umanamente ci si sarebbe aspettato di vederlo accomodarsi in panchina ed invece il centrocampista francese è sceso regolarmente in campo, schierato da un Gattuso libero da pregiudizi in merito a quanto accaduto contro il Bologna. Una situazione gestita alla perfezione, di questo va dato atto al tecnico, il quale ancora una volta dimostra la sua onesta intellettuale e la sua intelligenza umana oltre che professionale nei momenti di crisi. In settimana, prima della partita, si pensava che fosse Josè Mauri a scendere in campo per la bella prestazione offerta contro il bologna ed invece Gattuso ha sbalordito tutti mostrando un lato del suo carattere che in pochi riescono ad estrapolare in situazioni simili. La squadra prima di tutto, poi le questioni personali, qualora ce ne fossero.

GATTUSO SU BAKAYOKO- «Ho tanti difetti e pochi pregi, ma quando vi dico che non porto rancore è così. Lo porto solamente a chi non rispetta il gruppo.Questa squadra non mi ha mai tradito, se avessi anche solo avuto il presentimento di poter più dare niente, avrei fatto io per primo un passo indietro. Lo avrei fatto per rispetto della società che mi ha dato tanto. E’ vero spesso abbiamo perso la bussola, ma poi l’abbiamo sempre ritrovata».

SI CONTINUA A DISCUTERE- Intanto Mario Ielpo dagli studi di Milan Tv, si sofferma sulla questione relativa al riscatto del centrocampista francese. Una questione che continua a far discutere chi lo vorrebbe anche per il prossimo anno e chi invece ritiene che non debba più giocare nel Milan: «Il valore di Bakayoko credo sia assodato, come giocatore in campo. Penso che la qualificazione in Champions possa spostare moltissimo. Il Milan qualificandosi avrebbe una certa disponibilità e potrebbe essere riscattato. Se dovesse rimanere sarebbe una buona cosa».