Bakayoko, da acquisto sbagliato a titolare imprescindibile: Gattuso ora ha un problema

Bakayoko
© foto www.imagephotoagency.it

Bakayoko, il Milan attende solo il momento della firma del riscatto, un giocatore che pone una questione importante sul rientro di Biglia

Bakayoko ed il nuovo Milan, un “problema” per Gattuso che se i problemi fossero davvero tutti così ne vorrebbe altri cento. Il problema tra molte virgolette si chiama Biglia, ieri sera al club di Sky, Di Canio ospite in studio ha rivolto la domanda a Gattuso, il quale ha così risposto, dando la sensazione di voler prendere tempo anche nel cercare le parole adatte: «E’ un problema (sorride n.d.r.), vedremo come fare. Biglia è stato fermo tre mesi, gli si è staccato un muscolo. Balayoko è un vertice basso atipico. All’inizio non stoppava la palla correttamente, oggi salta l’uomo e ti da superiorità numerica. Vediamo se riuscirà a giocare anche da mezzala». La domanda che ora tutti si pongono riguarda la reale concretezza di una possibilità di andare ad affettuare dei cambi, nel momento in cui la squadra sembra aver trovato l’assetto tattico più o meno definitivo. Paquetà funziona anche da mezz’ala, Bakayoko in mezzo al campo è il terzo difensore centrale e ne sa qualcosa Barella che ieri dopo un frontale con il centrocampista francese si è ritrovato a terra stordito, fortunatamente senza gravi conseguenze.

Questo per dire che non tutto il male viene per nuocere, ovvero la scoperta di Bakayoko al centro del campo la si deve agli infortuni di Biglia e Bonaventura, come ricordato ieri sera da Di Canio in studio«La forza di questo Milan sta nella compattezza ritrovata con Bakayoko, non avendo la qualità necessaria ad una manovra veloce diventa più facile sfruttare la compattezza, facendo un gioco di base ma fatto benissimo». Una sintesi perfetta di ciò che rappresenta il nuovo Milan, confermata dallo stesso Gattuso, il quale avendo poca qualità ma più forza fisica ha preferito puntare tutto sulla compattezza, gioco favorito poi da un finalizzatore come Piatek, capace di buttare dentro il primo pallone toccato.

 

 

Articolo precedente
DonnarummaDonnarumma, con gli elogi partiamo dalla porta: immenso!
Prossimo articolo
CalhanogluCalhanoglu, cosa gli avrà detto Gattuso prima della partita?