Pellegatti: «Rangnick un innovatore, ma così il Milan non trova continuità»

Carlo Pellegatti
© foto www.imagephotoagency.it

Carlo Pellegatti ha commentato il possibile approdo di Ralf Rangnick sulla panchina del Milan la prossima stagione

Carlo Pellegatti, figura di riferimento per quanto riguarda i colori rossoneri, ha commentato tramite il proprio account Youtube il possibile approdo di Ralf Rangnick al Milan la prossima stagione. Questo il suo parere a riguardo:

«E’ certamente un innovatore, ricorda molto il suo idolo Arrigo Sacchi. Sembra che nei suoi allenamenti pretenda che la squadra in dieci secondi vada a chiudere in porta. Questo potrebbe essere molto affascinante per costruire qualcosa di nuovo e di inedito. Potrebbe conglobare la figura del direttore sportivo, un Wenger tedesco proiettato in Italia. Potrebbe rinnovare la rosa, sempre con calciatori giovani che seguono la sua filosofia. Il contro per il Milan è buttare via la continuità, prima con Gattuso ora con Pioli, dovrebbe ripartire di nuovo da zero con rinnovamenti e mancanza di certezze. Bisognerà capire se questa doppia figura è attuabile in Italia, un’altra cosa è che non conosce il calcio italiano e potrebbe trovare delle difficoltà».