Donnarumma è diventato un leader anche nella Nazionale di Roberto Mancini

Donnarumma
© foto Gianluigi Donnarumma, portiere del Milan

Il tanto atteso salto di qualità pare essere finalmente arrivato: anche in Nazionale, infatti, Gianluigi Donnarumma sta mettendo in mostra tutto il suo fenomenale repertorio di parate che stanno facendo la differenza, nel corso di questi ultimi mesi, al Milan.

Il suo posto da numero uno non pare essere in discussione sia ai prossimi Europei che alla Final Four della Nations League.

E, ovviamente, dalla porta Gigio Donnarumma vorrà guidare i suoi compagni in azzurro ad un trofeo internazionale che manca da tanto, troppo tempo. Sì, perché la Final Four della Nations League è in programma nel corso del mese di ottobre del prossimo anno e le avversarie saranno senz’altro agguerrite e di altissimo livello.

L’Italia, infatti, si troverà si troverà ad affrontare la fase finale di questa competizione insieme a Belgio, Francia e Spagna. Anche gli appassionati di quote calcio saranno ovviamente in prima linea nelle scommesse su quale nazionale sarà in grado di avere la meglio e alzare la coppa al cielo. Un vero e proprio super torneo che, però, verrà assegnato solamente dopo l’Europeo, per cui il ben noto operatore online Betway ha voluto organizzare un simpatico quiz, pubblicato anche su L’insider, coinvolgendo ben dieci giocatori di nazionalità differente che si sono messi alla prova su una serie di cinque domande, una sorta di calci di rigore. L’obiettivo è quello di valutare le loro conoscenze in ambito calcistico sulla Nazionale che rappresentano in campo. 

Prestazioni di alto livello anche in azzurro

Come abbiamo detto in precedenza, finalmente Donnarumma è diventato protagonista anche in azzurro. Anche i quotidiani sportivi, all’indomani della partita contro la Bosnia, hanno premiato la prestazione di Gigio. L’Italia si è imposta con il punteggio di 2-0 sulla Bosnia, ma in ogni caso qualche pericolo è passato pure dalle parti di Donnarumma, che si è disimpegnato molto bene.

L’estremo difensore azzurro, infatti, si è fatto trovare estremamente pronto e anche decisamente reattivo sui vari tiri degli attaccanti della Bosnia, evitando tra l’altro una rete che sembrava già fatta. Insomma, altre prestazioni che fanno ben sperare in vista del futuro in azzurro, ma che chiaramente fanno ben sperare anche il Milan, che sa di avere tra le mani un vero e proprio fenomeno tra i pali. Una sicurezza per tutta la retroguardia, ma che ha ancora diversi margini di miglioramento, per potersi affermare nell’élite mondiale.

Nations League, cosa aspetta ora la Nazionale di Mancini?

L’appuntamento è, chiaramente, per il prossimo 3 dicembre in quel di Nyon, quando la Uefa provvederà ai sorteggi della fase finale. Tra l’altro, gli azzurri potranno contare anche su un altro vantaggio, visto che nel regolamento era previsto che chi avesse vinto il girone in cui era presente anche l’Italia avrebbe potuto ospitare la manifestazione.

Ebbene, grazie alla vittoria contro la Bosnia, l’Italia ha messo le mani sulla testa del girone e si è intascata anche l’organizzazione delle quattro partite, di cui c’è già, in ogni caso, il calendario. Il 6 e il 7 ottobre 2021 si giocheranno le semifinali a Torino e a Milano, mentre la finale per il terzo posto e la finalissima si svolgeranno il 10 ottobre 2021. Ovviamente, la speranza che accompagna un po’ tutti è quella di poter ammirare nuovamente gli stadi completamente pieni, con il ritorno dei tifosi sugli spalti. Per il momento, lo stadio che ha più chance di ospitare la finalissima è San Siro anche per via del fatto che è più capiente rispetto all’Allianz Stadium, che di solito ospita le partite della Juventus.