Dal ricordo di Doha al retroscena con Montella: parla Bertolacci

Bertolacci
© foto www.imagephotoagency.it

Lunga intervista di Andrea Bertolacci in cui il giocatore di proprietà del Milan rivela il rapporto con Montella ed il suo futuro

«Avevo voglia di rigenerarmi, di ripartire. E allora ho scelto il Genoa che tanto mi ha dato e che tanto mi sta dando. Il biennio al Milan mi è servito come esperienza, mi spiace solo di non avere espresso tutto il mio potenziale. Ma è passata e ora cercherò di dare il meglio qui, senza rimpianti né nostalgia. Certo, la Supercoppa italiana vinta a Doha ai rigori contro la Juve resterà uno splendido ricordo ma adesso penso solo a contribuire alla salvezza del Genoa». Intervistato da Tuttosport, Andrea Bertolacci, centrocampista romano di proprietà del Milan ma in prestito secco al Genoa, ha parlato così della sua esperienza in rossonero, chiarendo anche come sia stato il suo rapporto con Montella: «Molto buono. Lui non voleva che io partissi l’estate scorsa ma io gli ho spiegato che avevo bisogno di giocare con continuità. Ha capito e mi ha lasciato libero di decidere. Poi non so cosa sia successo nei mesi scorsi. Ora mi sembra che stia allenando il Siviglia in Champions League…».

In conclusione, Bertolacci parla anche di futuro, senza però sbilanciarsi: «Io sono in prestito dal Milan e qui sto bene. Ma fino al 20 maggio non voglio pensare ad altro se non al Genoa e alla sua permanenza in Serie A. Poi si vedrà». Bertolacci ha ancora un anno e mezzo – scadenza giugno 2019 – di contratto con il Milan. Il suo ritorno in rossonero è praticamente certo, a giugno però le strade si separeranno definitivamente.