Rassegna Martedì 10 Settembre: Berlusconi sogna un Monza stile Milan

Stampa Rassegna
© foto @Twitter

Rassegna stampa di Lunedì 9 Settembre 2019: ecco le prime pagine di Gazzetta dello Sport, Corriere dello Sport e TuttoSport

GAZZETTA DELLO SPORT RASSEGNA

Rassegna stampa, il monte ingaggi della Serie A sulla prima pagina odierna della rosea: gli strapagati, ecco gli stipendi dei giocatori. Abbiamo scoperto che sono sempre più ricchi. Palloni d’oro, in A 1360 milioni di ingaggi. Juve boom. Ancora record, ben oltre il miliardo. Effetto Ronaldo: nei primi 10 più pagati del nostro campionato ci sono 7 bianconeri, De Ligt secondo. l’Inter in taglio basso: dopo la prova in azzurro, Inter, si ai piccoli. Barella-Sensi, ok in azzurro e Lukaku segna. Monza, la passione ritrovata. L’elisir di Berlusconi è un mini Milan. Taglio alto, nuove cure per Schumi: viaggio della speranza a Parigi, si prova con cellule staminali. Tutti pazzi per Leclerc, in otto giorni è diventato l’idolo Ferrari.

 

CORRIERE DELLO SPORT

Zeman sulla prima pagina centrale del Corriere con un’intervista molto particolare, nella quale si sofferma sugli attaccanti italiani: la A alla Zeman. Il tecnico del bel gioco spiega perchè si torna a segnare di più: “Vedo finalmente coraggio in attacco e tanti errori dietro. La Juve è ancora super ma Sarri ha bisogno di tempo. Ronaldo può arrivare a 40 reti. Icardi era utilissimo all’Inter. Lukaku è un attaccante fisico. La Lazio vi sorprenderà”. Adesso entrano altri mille goal. Da Sanchez a Llorente, sarà il weekend dei bomber con una dotazione record. Lazio, anche il Ds Tare si confessa: ” Lazio, è l’anno bonus, è una grande squadra, c’è anche il premio scudetto ma i tifosi sono freddi”. In taglio basso la Ferrari: Leclerc cancella Seb.

TUTTOSPORT

Dybala ed il tormentone mercato sulla prima pagina di Tuttosport: il Dybala che scotta. Il Psg ed il Tottenham non mollano e sono pronti a tornare all’assalto dell’argentino a Gennaio. la Joya fatica a trovare spazio nella Juve e all’orizzonte si profila un’altra panchina nella sfida di sabato a Firenze. In taglio alto ancora la Ferrari: la rivoluzione Leclerc: l’esplosione di Charles cambia gli scenari della Ferrari e della Formula 1.