MN24 – Rangnick al Milan: dal primo colpo di calciomercato al nuovo staff

Rangnick
© foto Ralf Rangnick, ex tecnico del RB Lipsia e Schalke 04

MN24 – il punto sul futuro di Rangnick al Milan: il tedesco ha già allertato lo staff che lo seguirà e ha già scelto il primo acquisto in rossonero

Come vi abbiamo riportato in esclusiva in tempi non sospetti la trattativa tra il Milan e Ralf Rangnick non si è mai realmente fermata, il tecnico tedesco è sempre stata la prima e unica scelta di Gazidis per sostituire Stefano Pioli nella prossima stagione. Nelle ultime settimane i rossoneri sembrano aver ulteriormente spinto per chiudere una trattativa iniziata già sul finire del 2019, ma la pandemia Coronavirus ha rinviato l’incontro decisivo di Londra ora in programma per l’estate.

Da fonti vicine a Ralf Rangnick sentite dalla nostra redazione, il tecnico tedesco sarebbe realmente affascinato nel poter mettere le mani su un progetto ambizioso, tanto quanto quello targato Redbull, in una società gloriosa come il Milan. Non è un mistero infatti che Rangnick sia un grande estimatore del calcio e della cultura italiana come testimoniato dal suo reale culto per il Milan di Sacchi (e il suo stato WhatsApp) e dal corso intensivo di lingua italiana iniziato lo scorso gennaio.

In vista di un sempre più probabile futuro in rossonero Rangnick inoltre avrebbe già allertato alcuni membri dello staff risalenti alle sue precedenti avventura al Lipsia, Schalke e Hoffenheim che dal prossimo luglio dovranno seguirlo nella sua nuova vita lavorativa a Milano. Una squadra composta non solo da collaboratori tecnici ma anche da talent scout a conferma della volontà del manager teutonico di avere un’importante voce in capitolo anche sul fronte calciomercato.

A conferma dello stato avanzato della trattativa ci sono, oltre all’intervista rilasciata da Rangnick alla Bild, anche i concreti passi avanti compiuti dal Milan nei confronti di Domink Szoboszlai, esterno ungherese del Salisburgo (altro club del gruppo Redbull), considerato da molti come il primo acquisto di calciomercato dell’era Rangnick in rossonero.