Milan, pari bugiardo: finalmente si vede il giusto atteggiamento

Bonaventura
© foto www.imagephotoagency.it

Milan, un pari bugiardo contro il Napoli, i rossoneri iniziano a meritare qualcosa di più sia per atteggiamento che per gioco espresso

Milan-Napoli è un’altra partita, diversa dal solito, probabilmente simile a quella contro la Lazio, dove un’errore finale aveva vanificato tutto ciò che di buono era stato fatto. La difesa ieri ha retto bene dopo il goal di Lozano, la concentrazione è rimasta alta così come la tenuta atletica. Dati certamente incoraggianti che portano a pensare ad una serenità ormai acquisita all’interno dello spogliatoio, primo obiettivo per Pioli, forse più importante della classifica. Certo, conta anche quella e la prova del nove arriverà contro Parma e Bologna, se non si vince in Emilia, allora è tutto vano.

BRAVO PIOLI- L’atteggiamento visto in campo contro il Napoli ci regala un altro Milan, capace di creare e di soffrire, di andare vicino al goal più volte ma senza concludere, se non per quella perla di Bonaventura, cosa che dovrebbe fare Piatek. Il polacco invece arriva sul pallone fiacco e poco determinato, come se avesse perso cattiveria, smalto e lucidità di fronte al portiere e sia diventato prevedibile come i giocatori normali.

BONAVENTURA TOP- Parliamo di Bonaventura, colui che ora più di chiunque altro rappresenta un dubbio per Pioli che ora dovrà decidere se andare avanti oppure tornare sui propri passi e puntare ancora su Calhanoglu. Attenzione a Rebic, il croato ieri non ha fatto male, quel cross meraviglioso proprio per Bonaventura, intercettato da Meret è la prova che i piedi ci sono ed anche le idee, forse avrebbe solo bisogno di giocare un po’ di più.