Stylsvig, Chief revenue officer del Milan: «Ecco quale è la cosa più brutta»

© foto Mg Milano 07/02/2021 - campionato di calcio serie A / Milan-Crotone / foto Matteo Gribaudi/Image Sport nella foto: esultanza gol Ante Rebic

Stylsvig ha affrontato il delicato tema dell’assenza dei tifosi allo stadio e ha spiegato le strategie future della società rossonera

Intervenuto ai microfoni del Podcast SportPro, Casper Stylsvig, chief revenue officer del Milan, ha parlato delle strategie societarie del Diavolo:

SULLA STRATEGIA E L’ASSENZA DEI TIFOSI: «Le due cose che sto vendendo sono il passato e, soprattutto, sto vendendo una visione per il futuro. È un peccato che dopo alcuni anni in cui abbiamo avuto difficoltà sul campo e finalmente le cose stanno leggermente girando non possiamo avere i tifosi allo stadio per festeggiare questo con la squadra».

SUI NUOVI SPONSOR: «Quando inizi a mettere insieme tutti questi elementi, devi assicurarti che il tuo marchio sia rilevante e al passo con i tempi. In generale, le squadre di calcio sono molto brave a correre da un giorno all’altro della partita – lo fanno da molto tempo – ma è il lato commerciale in cui devi capire dove far crescere la tua fan-base, che è una sfida per tutti noi».

SULLA SITUAZIONE COVID: «Abbiamo riconosciuto molto rapidamente che avevamo bisogno di adattarci e di essere molto più avanzati dal punto di vista digitale per coinvolgere i nostri tifosi, non solo in Italia ma in tutto il mondo. Abbiamo riconosciuto l’importanza di essere socialmente attivi e di restituire ai nostri fan e alla comunità. Uno dei primi grandi eventi che abbiamo avuto, eventi globali, è stato all’inizio di maggio quando abbiamo avuto From Milan With Love, che era una sorta di concerto virtuale ospitato da DJ Khaled. E siamo riusciti a metterlo insieme in meno di una settimana, e l’impatto è stato fenomenale. Era per beneficenza, per celebrare i lavoratori in prima linea. Quindi questo è solo un esempio in cui noi come club stavamo cercando di pensare in modo diverso, e stavamo anche cercando di essere più innovativi perché crediamo che il confine tra sport, intrattenimento e musica stia diventando molto sottile».

SUI TIFOSI DEL MILAN NEL MONDO: «Non voglio dare un valore e dire che un fan vale così tanto in euro, ma sappiamo che dobbiamo soddisfare le loro esigenze. Inoltre, tutti i fan non sono uguali. Abbiamo un’enorme fanbase in Cina, abbiamo un’enorme fanbase in Indonesia che è molto diversa dalla nostra fanbase in Italia».

I MERCATI GLOBALI: «Ci sono certi mercati che tendono a comprare più merchandising. Inoltre, in Asia, abbiamo alcuni grandi mercati lì, in Medio Oriente, in Brasile, e poi un mercato dove stiamo vedendo un maggiore interesse è il Nord America. Quindi non possiamo dare un valore ad ogni fan, ma quello che possiamo dire collettivamente è che sappiamo che più ci impegniamo, più lo rendiamo accessibile, più facilitiamo il viaggio del cliente sulla nostra piattaforma ecommerce, più venderemo».

SULLA VENDITA A DISTANZA: «Per il futuro, penso che in termini di articoli più grandi come i partner principali, è sempre molto difficile vendere questi articoli quando non puoi incontrare i clienti come potevi in passato, non puoi ospitarli ad una partita e non puoi ritrarre ciò che il marchio è. Questa è la sfida. Ma mostrando l’innovazione e dicendo, ‘Abbiamo superato questo e questi sono i casi di studio che abbiamo e questo è ciò che abbiamo tracciato,’ – usiamo un sacco di metriche in termini di monitoraggio delle prestazioni delle partnership, è ciò su cui spendiamo molto tempo e sforzo – che aiuta a raccontare la storia e convincere. Quindi, onestamente, non credo che il mercato delle sponsorizzazioni diminuirà, ma penso che i marchi stiano diventando molto più sofisticati e sanno esattamente cosa vogliono. Quindi, se non spunti quelle caselle, non sarai considerato».

SULLA PRESENTAZIONE DEI GIOCATORI: «È molto più facile quando abbiamo le apparizioni dei giocatori, quando abbiamo gli annunci dei giocatori, che lo facciamo in-house – vengono a firmare il contratto a Casa Milan e poi andiamo al primo piano e abbiamo la sessione fotografica lì. Ma anche, cosa più importante, per i partner. Possono anche utilizzare le strutture, possono venire qui e possiamo creare contenuti per loro. Questo è stato molto importante per noi. Naturalmente, c’è un risparmio di costi nel farlo in casa e non dover affittare le strutture all’esterno, ma è anche più il controllo, la velocità e la flessibilità».

SUL CALCIO POST COVID: «Penso che l’uscita dalla pandemia cambierà l’approccio per la maggior parte dei club – almeno per i club di maggior successo. Svilupperanno ulteriormente lo spazio digitale, avranno il fan a fuoco in termini di come possiamo impegnarci. Non si tratta solo di monetizzare, perché quello viene dopo. Si tratta di assicurarsi di dare al fan un’esperienza autentica in termini di vicinanza al club».