Milan, possibile fideiussione da 100 milioni per ammorbidire la UEFA

Milan Esultanza
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan lavora per cambiare il giudizio della UEFA previsto per il 19 giugno, Yonghong Li e Fassone puntano una fideiussione da 100 milioni

Questa mattina si continua a parlare dell’ingresso di un possibile nuovo socio di minoranza che si affianchi a Yonghong Li nelle prossime settimane: oggi Tuttosport ha inserito tra le possibili soluzioni l’ingresso di un istituto di credito italiano disposto a versare 100 milioni di euro per entrare nel pacchetto azionario della società. E’ evidente che se il nuovo socio, attraverso la fideiussione, dovesse presentare alla UEFA garanzie economiche, potrebbe far cambiare il giudizio delle UEFA previsto per il 19 giugno che al momento vede il Milan fuori dalla prossima Europa League guadagnata sul campo. Il proprietario cinese dei rossoneri sta dunque lavorando duramente insieme all’attuale management per presentare a Nyon un piano capace di far evaporare i dubbi della Federazione Continentale intorno alla propria figura.

La fideiussione da 100 milioni potrebbe essere l’asso nel mazzo per Yonghong Li che con l’ingresso di un nuovo socio e soprattutto un aumento di capitale sostanzioso garantirebbe continuità alla proprietà senza optare per un ingresso di Elliot nel prossimo futuro. La mancata concessione del settlement agreement da parte della UEFA forse non porterà il Milan fuori dalle competizioni continentali ma ha sicuramente accelerato i tempi per l’ingresso in società di nuovi investitori, un atto sicuramente positivo a prescindere dalle sorti dei rossoneri in Europa League che permetterà ai tifosi del Milan di sognare sogni più tranquilli.

Articolo precedente
Stampa RassegnaRassegna stampa del 11 giugno 2018
Prossimo articolo
FalcaoGattuso vola in Russia con Mirabelli: ecco quali saranno i giocatori osservati