La Gazzetta dello sport fa la propria lista: Monchi possibile sostituto di Mirabelli al Milan

Monchi
© foto www.imagephotoagency.it

Dalle prime pagine dei quotidiani sportivi nazionali continuano a circolare fantasiose liste di direttori sportivi per il Milan: la verità però vede ancora Mirabelli saldo al comando con la possibilità di una figura di affiancamento

Non sembra aver pace la Gazzetta dello Sport alla forsennata ricerca di un sostituto per il ruolo di direttore sportivo al posto del criticato Massimiliano Mirabelli al Milan, dopo la smentita di Giuntoli, attuale uomo-mercato del Napoli, oggi la rosea propone un altro nome che avrebbe del clamoroso: l’attuale direttore sportivo della Roma Ramón Rodríguez Verdejo, detto Monchi. Come vi abbiamo riportato più volte attualmente negli uffici di Casa Milan non è in alcun modo valutata la possibilità di sostituire Massimiliano Mirabelli, il cui progetto tecnico è ancora in fase di divenire, nel ruolo ricoperto ma resta bensì l’idea di affiancargli una figura che possa affrancarsi per storia e passato rossonero: personalità forti come Paolo Maldini e l’attuale ds del Barcellona, ex Milan, Ariedo Braida.

Il nome di Monchi, protagonista di un’ottima prima stagione con la Roma, non è pista percorribile sia perché cozzerebbe con la figura di Massimiliano Mriabelli e soprattutto perché al momento il dirigente spagnolo è impegnato a disegnare insieme a Pallotta il futuro del club giallorosso. Oltre al nome di Monchi, la Gazzetta propone anche quello dell’uomo-mercato del Chelsea Michael Emenalo ma anche in questo caso, al momennto, si parla di fantacalcio. Nei giorni scorsi Massimiliano Mirabelli, attuale e sempre più probabilmente futuro ds del Milan, ha intrapreso lunghi discorsi di programmazione tecnica insieme a Gattuso e Fassone: al centro della discussione il futuro calciomercato e le possibili sanzioni provenienti dalla Uefa.

Articolo precedente
GattusoBologna-Milan, tra assenze e ritorni importanti: Gattuso testa Locatelli
Prossimo articolo
donnarummaGalli: «Donnarumma resti solo se convinto, il Milan ha vinto 7 Champions senza di lui»