La notte del maestro, Inzaghi fa tripletta all’addio di Pirlo e si porta il pallone a casa – VIDEO

Filippo Inzaghi
© foto www.imagephotoagency.it

Grandi emozioni a San Siro per l’ultima da giocatore di Andrea Pirlo, lo stadio pieno rende omaggio ai tanti campioni venuti a salutare il maestro

Goal e spettacolo a San Siro per l’ultima gara di Andrea Pirlo, finisce 7-7 tra la squadra bianca e quella blu ma finisce soprattutto la grande storia di un giocatore fantastico come Pirlo, circondato dai grandi campioni che al suo tempo hanno giocato con lui o sono stati semplici avversari. Questa sera tutti amici per salutare una leggenda del calcio mondiale che con Milan e Juventus ha vinto praticamente tutto, tra scudetti, Champions League, coppe e supercoppe, oltre a collezionare tanti goal meravigliosi che ancora oggi mancano al calcio italiano. Formazioni da All-Star Game per «La Notte del Maestro»: Totti, Del Piero e Vieri compongono l’attacco della squadra bianca; Cassano, Tevez e Shevchenko quello della squadra blu. Ci sono anche Inzaghi e Nesta, superpippo fa sfoggio delle sue qualità immortali segnando una tripletta che vale il 7-7 finale. Dopo tanti anni Inzaghi non ha perso il senso del goal, a fine partita il pallone è suo, come l’urlo dello stadio in occasione di ogni rete.

I campioni del Mondo del 2006 ridono e scherzano insieme come è giusto che sia: manca solo Cannavaro, impegnato con il Guangzouh Evergrande in Cina. Ronaldo non ce la fa: «Con queste ginocchia non posso giocare». Ronaldinho ha perso addirittura l’aereo ma promette che raggiungerà il gruppo in mattinata. Ci sono le bandiere di Milan ed Inter, Paolo Maldini e Javier Zanetti. Campioni trasversali come Rui Costa, Lampard e Seedorf. Roberto Baggio resta defilato e osserva Conte, Ancelotti, Allegri e Donadoni che alleneranno le due formazioni. Il campione del mondo viene celebrato come si deve, con una risata, con un coro, con un velo di malinconia, come succede normalmente in questi casi. Uno dei momenti più emozionanti: Andrea Pirlo lascia il campo per il figlio niccolò…di padre in figlio.

Articolo precedente
Cavani, la parola all’interessato: ecco le reali intenzioni dell’attaccante uruguaiano
Prossimo articolo
Stampa RassegnaLa rassegna del 22 maggio 2018