Gattuso elogia Donnarumma e lo spirito di squadra: «Reina e Callejon? I miei sono i migliori»

Gattuso
© foto www.imagephotoagency.it

Gennaro Gattuso ha così parlato al termine della gara pareggiata per 0-0 dal suo Milan contro il Napoli, ecco le dichiarazioni del tecnico rossonero

Intervenuto nel post-partita di Milan-Napoli, Gennaro Gattuso ha così parlato del pareggio ottenuto questo pomeriggio a San Siro: «Siamo contenti perché sapevamo la squadra che andavamo ad affrontare. Ci siamo difesi, ma con la palla tra i piedi abbiamo palleggiato bene, dobbiamo crescere ma siamo sulla strada giusta, giusto l’atteggiamento e giusta l’interpretazione, sono contento». 

Sul Litigio finale – «Da calciatore mi piaceva essere in prima linea, ora sono allenatore e devo dare il buon esempio, ho preferito non immischiarmi. Donnarumma? Da lui mi aspetto questo, oltre alla parata finale ha fatto una grande partita dal punto di vista tecnico».

Fase offensiva – «A Kalinic ho chiesto tanto lavoro sporco ed è normale se poi manca in avanti, ma oggi abbiamo giocato con grande personalità, quando fai una fase difensiva così importante è normale perdere un po’ in avanti».

Sugli obiettivi stagionali – «Finché la matematica non ci condanna è giusto provarci, ma 10 punti sono tanti e bisogna stare attenti a chi ci sta vicini in classifica. La cosa che conta davvero è mettere la basi per qualcosa, dobbiamo alzare l’asticella ma stiamo sulla strada giusta».

Su Reina e Callejon –  «Parlo solo dei miei giocatori, il resto è fuffa. Sono bravi, ma non mi interessa, i miei calciatori sono i più forti del mondo. Reina se arriverà lo accoglieremo a braccia aperte. Ho Donnarumma e me lo tengo, può diventare il più forte al mondo e deve interpretare il ruolo in maniera moderna, ha le potenzialità per farlo». 

Scudetto – «Non credo sia chiusa, ma conoscendo l’atteggiamento della Juventus diventa molto difficile per il Napoli».

Articolo precedente
DonnarummaDonnarumma vince la sfida con Reina tra presente e futuro: 100 presenze da fenomeno
Prossimo articolo
ReinaReina si è già conquistato San Siro