Fassone vuole uno stadio per il Milan: «Tra il 2022 e il 2023 si può avere»

Fassone
© foto www.imagephotoagency.it

Marco Fassone ha questa sera riaperto la questione stadio lanciando però un proprio giudizio sul campionato italiano

Intervenuto a margine dell’evento La Fine del Calcio italiano, libro di Marco Bellinazzo presentato oggi presso la Feltrinelli di Piazza Duomo a Milano, Marco Fassone amministratore delegato del Milan ha così parlato dell’attuale situazione relativa alla competizione in Italia: «La Juventus era già avanti nella costruzione dello stadio, Calciopoli aveva bloccato la costruzione, ma poi è riuscita a portare a termine la costruzione».

L’ad rossonero si è espresso anche sull’esigenza di avere uno stadio di proprietà:«Che l’Inter e il Milan debbano avere uno stadio per aumentare i ricavi è noto, sia che si lavori insieme o meno.Che questa città sia pronta in questo momento ad avere anche due stadi è evidente, che poi sia o no la strada giusta non lo so. L’Inter la questione stadio la studia da più tempo, noi stiamo cercando di comparare questo progetto congiunto. Saremmo l’unica esperienza europea con due club di questo livello ed avere un unico stadio. Dall’altra parte San Siro è San Siro e serve un ragionamento attentissimo prima di lasciarlo. E’ certo che nel giro del campionato, se siamo bravi a seguire le nuove leggi, dai 12 ai 18 mesi si può costruire, se si parte tra il 2022 e il 2023 si può avere uno stadio, o due, che dia il meglio ai tifosi».

Articolo precedente
BertolacciMilan, vicina la cessione di Bertolacci
Prossimo articolo
Milan, siamo alla svolta: trovato socio e 32 milioni di euro