Scaroni: «Nuovo stadio in tempi brevi? Sono ottimista»

Scaroni
© foto www.imagephotoagency.it

Paolo Scaroni, presidente del Milan, ha così parlato della questione relativa al progetto del stadio per Milan e Inter al termine dell’assemblea dei soci

Paolo Scaroni, presidente del Milan, ha così parlato della questione relativa al progetto del nuovo stadio per Milan e Inter al termine dell’assemblea dei soci: «È fondamentale avere un nuovo stadio per l’equilibrio economico del club. A luglio dell’anno scorso è stato presentato un progetto passato al vaglio della giunta, che ha richiesto delle modifiche. Abbiamo discusso queste modifiche e a giorni presenteremo il progetto al Comune. Già al corrente degli ingredienti principali: salvare parte del Meazza, dedicando l’area a sport non professionistici, quindi a disposizione della città. C’è anche una riduzione a 145mila metri quadri dell’area immobiliare. Ci aspettiamo che la giunta passi al vaglio il progetto dopo che gli uffici tecnici l’avranno valutato. Speriamo in tempi brevi. La progettazione esecutiva partirà dopo l’approvazione in quanto molto costosa. Guardo al nostro futuro sul fronte stadio con ottimismo».

ASSEMBLEA DEI SOCI – «Abbiamo svolto l’assemblea in modo regolare, cosa non banale perchè avevamo connessi una sessantina di azionisti. Aveva l’approvazione del bilancio all’ordine del giorno poi la nomina del CdA e del Presidente. Tutto approvato all’unanimità, tutto è andato bene e ci sono state domande. Il bilancio è stato approvato e abbiamo portato in consiglio Massimo Ferrari, che fa parte dell’Associazione Piccoli Azionisti, è un amico e siamo contenti. Sono stato rinnovato presidente del CdA per il prossimo triennio e anche su questo la decisione è stata unanime. Vorrei dire subito cosa apparirà in una nota stampa: affidiamo a Franco Baresi il ruolo di vice presidente onorario del club. Metterà a disposizione la sua passione e la sua visione, mantenendo il legame con i tifosi. È sempre stato vicino al club, ma non aveva un ruolo ufficiale, che avrà da oggi».