Pistocchi: «Rangnick? Ottimo allenatore e progetto per il Milan»

Pistocchi
© foto www.imagephotoagency.it

Pistocchi ha voluto parlare in merito alla situazione Rangnick-Milan e il polverone Coronavirus sulle partite di Serie A

Ecco le parole di Pistocchi a Tmw Radio in merito alle voci su Rangnick vicinissimo al Milan e la situazione rinvii della Serie A per il Coronavirus.

Rangnick-Milan Io penso che un dipendente come è Boban non possa permettersi di rivolgersi nel modo in cui si è rivolto verso la proprietà. Non è un comportamento serio. la gestione del Milan di quest’anno, prima con il progetto Giampaolo, poi allontanato, e poi con Pioli, che non ha fatto molto meglio di Giampaolo, è la definizione di un lavoro fatto non bene. Rangnick è un ottimo allenatore e un prospetto per costruire il nuovo Milan.

Serie A Non ha fatto una bella figura. Beghe di cortile che sono esplose in maniera deflagrante. Mi ha stupito l’incapacità di non garantire regole certe per tutti e la regolarità del campionato. Non è normale quanto è successo. Credo che si dovesse giocare a porte chiuse per un certo periodo. Servono regole uguali per tutti. Ora il campionato è palesemente falsato, per condizioni diverse in cui si sono trovate le squadre, anche per l’incertezza delle decisioni da prendere. Si parla di nuovo di Juve-Milan di Coppa Italia a porte chiuse. Tutto questo è imbarazzante. Non si ha la percezione di come possa essere gestita la situazione. Io da subito avrei detto, non da sabato, ossia da quando si è palesato il problema, che per 15 giorni si doveva giocare a porte chiuse in tutti i campionati. E poi si sarebbe valutato.