Connettiti con noi

News

Pioli: «Felice della prestazione ma la squadra è delusa»

Pubblicato

su

Stefano Pioli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport, ha così commentato la gara pareggiata dai rossoneri contro la Roma

Stefano Pioli, intervenuto ai microfoni di Sky Sport, ha così commentato la gara pareggiata dal Milan contro la Roma: «Andrò a casa soddisfatto della prestazione, non è questo il momento di guardare la classifica. Inutile nasconderci una certa delusione perché abbiamo fatto una gara di ottimo livello andando tre volte in vantaggio. Ci abbiamo provato fino alla fine e l’occasione all’ultimo istante di Romagnoli l’ha dimostrato. Purtroppo le palle inattive, dove entrambe le squadre sono state pericolose, ci hanno penalizzato perché la Roma le ha sapute sfruttare meglio di noi. Siamo consapevoli che questa sia la squadra giusta e la prestazione di stasera ci convince ancora di più». 

TATARUSANU«Gli errori fanno parte del calcio, non ho mai visto giocatori che non sbagliano mai. Tatarusanu ha sbagliato i tempi di uscita, era al debutto e in qualcosina ha pagato ma non mi voglio soffermare sulle prestazioni dei singoli». 

GIACOMELLI«Un commento sull’arbitraggio di Giacomelli? No». 

SCELTE SBAGLIATE – «Siamo stati più frettolosi in certi momenti, soprattutto nel primo tempo dove la pressione dei nostri avversari non era fortissima abbiamo giocato poco lucidamente cercando verticalizzazioni immediata senza muovere la palla. Abbiamo fatto qualche scelta sbagliata in certi momenti però abbiamo sempre cercato di essere pericolosi e credo che ci siamo riusciti. Non dimentichiamoci che la Roma l’anno scorso è finita davanti a noi». 

RAFAEL LEAO – «In settimana avevo parlato in modo abbastanza chiaro a Rafael dicendo cosa mi aspettavo da lui. Sono molto contento della sua prestazione perché ha fatto tutto quello che deve fare un giocatore del Milan. Ha i mezzi per farlo e deve imparare ad essere dentro la partita per 90 minuti. Anche Saelemaekers sta crescendo così come Castillejo. Abbiamo fuori Rebic e Hauge, è un bene che si sia alzato il livello in quel ruolo perché anche la competitività tra compagni cresce». 

ATTEGGIAMENTO – «C’è un ambiente positivi, piana sintonia tra tutti quelli che lavorano a Milanello e per il Milan. Mi piace che venga sottolineato lo spirito della squadra perché sono ragazzi generosi che fanno sempre di tutto a vincere le partite». 

COVID – «In questo momento così difficile per tutti che si continui a giocare è molto importante. Mi auguro di poter dare un po’ di svago ai tifosi e a tutti gli sportivi perché c’è bisogno di pensare un po’ meno alle cose difficili di ogni giorno. Oggi non sentire i 1000 tifosi non è stato facile, sentire solo la mia voce e quella dei giocatori è un passo indietro».