Piatek e Leao continuano a non convincere: Ibrahimovic diventa necessità

Ibra
© foto www.imagephotoagency.it

Leao e Piatek continuano a deludere anche al Tardini: ora per il Milan arrivare a Zlatan Ibrahimovic è un dovere

Anche ieri sera al Tardini la prestazione di Piatek e Rafael Leao (quasi un tempo a testa per i due attaccanti) non è stata convincente. Il polacco ha provato diverse volte la conclusione in porta ma è stato puntualmente murato dalla difesa emiliana mentre Leao, ancora acerbo dal punto di vista dei movimenti senza palla, ha spesso lasciato scoperto il cuore dell’area nonostante la necessità del Milan di arrivare al gol.

L’ennesima prova incolore dei due attaccanti milanisti spinge ancora di più la proprietà a dover correre ai ripari in vista del mercato di gennaio: Theo Hernandez, primo marcatore dei rossoneri, è un altro campanello di allarme e proprio per questo l’assalto a Zlatan Ibrahimovic acquista sempre più i contorni dell’obbligo e non della possibilità. L’ultimo incontro con Raiola ha posto le basi per un ritorno che lo svedese deciderà nel corso della prossima settimana: a Casa Milan più di uno sta incrociando le dita.