Montella ora si gonfia il petto: «Cutrone? Una mia creatura»

© foto @youtube Sevilla FC

Vincenzo Montella, tecnico del Siviglia, è tornato a parlare della propria ex squadra: il Milan che oggi ha in Gattuso il proprio leader

Intervistato da Radio Anch’io Sport, Vincenzo Montella, ex tecnico del Milan e attuale allenatore del Siviglia, ha così parlato della straordinaria qualificazione ottenuta ai quarti di finale di Champions League eliminando il Manchester United nel turno precedente: «Devo dire che è stata un’emozione unica, non tanto per Mourinho ma per aver vinto quella partita, di prestigio, quasi come aver vinto una coppa. José è un allenatore che stimo, ho letto il suo libro e ho una stima particolare per lui, ho seguito anche i suoi metodi lavorativi: si è dimostrato una grande persona, è venuto a farci i complimenti negli spogliatoi poi. Qualsiasi squadra si peschi ora è dura, ma sicuramente il Bayern è tra le più forti in assoluto. In un’eventuale semifinale o finale mi piacerebbe incontrare la Roma del mio amico Eusebio Di Francesco, visto anche il mio passato giallorosso».

Il tecnico del Siviglia torna anche a parlare dei propri ex calciatori: «Cutrone? Sono felicissimo della sua convocazione, quasi come se fosse stata la mia: lo sento un po’ come mia creatura, vedevo la sua fame sottoporta, abbiamo lavorato tanto su di lui anche con Caccia sui movimenti offensivi. Vuole migliorarsi in ogni allenamento, e credo questo lo porterà lontano, potrà essere il futuro della Nazionale. André Silva ha potenzialità enormi, le sta lasciando intravedere ora: è giovanissimo ed è arrivato da un altro campionato, a volte si giudicano i giocatori in base al prezzo, ma ha grandi potenzialità».

Sull’addio al Milan: «Il nostro mestiere siamo spesso pagati per essere capri espiatori: credo di aver fatto il meglio possibile, con degli errori certamente, ma talvolta dimentichiamo che avevo a disposizione giocatori nuovi, provenienti da tanti differenti campionati. C’era bisogno di tempo, nessuna squadra può essere vincente da subito con il solo Bonucci ad aver vinto tanto tra i nuovi arrivi: ci vuole pazienza, tempo, ci sono tanti giocatori che miglioreranno. Nessuno tra i nuovi arrivati, Bonucci a parte, aveva vestito maglie importanti come quella del Milan. Un undici definitivo al Milan? Nessuno se n’è accorto, ma impostavamo a 3 e difendevamo a 4, in una sorta di 4-4-2: i numeri non devono dare una visione statica. Resta una questione di tempo e di adattamento: Suso ha sempre giocato nella sua posizione, tranne in alcune situazioni, ed è successo poi per accontentare il suo ex presidente, che chiedeva di vederlo giocare più vicino alla porta…forse avevo ragione io però».

Sul VAR: «La prossima settimana incontreremo il Barcellona in campionato e in finale di Copa del Rey, credo sia una squadra più abituata alle finali ma spero che con la Roma possa esserci una gara aperta. Serie A equilibrata? Il Napoli sta dimostrando di poter competere, sicuramente ha una rosa più corta ma sta migliorando, è merito degli azzurri questo equilibrio: la logica, dicendolo in maniera professionale, dice che la Juventus ha una rosa più lunga ed è più abituata a vincere, pur avendo più impegni. Il VAR? Un po’ di nostalgia ce l’ho, quando sei preso dalla tensione non accetti gli altri possano sbagliare: la percentuale di errore si è abbassata, e in alcuni casi aiuta assolutamente. SPAL-Juve non l’ho vista, ma credo la squadra di Semplici sia tra le sorprese del campionato, gioca sempre con grande equilibrio. In Spagna c’è una cultura offensiva, qui ho lavorato un po’ di più sull’organizzazione difensiva, che non è prevalentemente di reparto ma di collettivo. I giovani bravi giocano, Cutrone lo dimostra: credo talvolta ci sia troppa fretta, l’importante è che sia bravo. Mi trovo benissimo qui, ho un altro anno di contratto qui e ho voglia di continuare. Io alla Juventus l’anno prossimo? No, c’è Allegri che sta facendo un lavoro straordinario, la Juventus ha già un ottimo allenatore…Se accetterei la Nazionale? Sinceramente credo che per un allenatore allenare la Nazionale sia un sogno, se mi capiterà non lo so, ad oggi non c’è ma se mi succederà, senz’altro.»

Sulla ricorsa del Milan al quarto posto: «Sinceramente non lo so, sto seguendo pochissimo il campionato italiano: il Milan sta facendo una grande risalita, davanti stanno un po’ rallentando ed è nettamente in corsa e in lotta. Donnarumma e la sua famiglia sono persone molto equilibrate, stanno vivendo qualcosa di grandissimo, penso che abbia un grande futuro davanti e un grande presente: ha una famiglia molto stabile alle spalle. Reina? Qualsiasi grande squadra che si rispetti ha il dovere di lavorare e portarsi a casa due grandi portieri, come la Juventus ha Buffon e Szczesny».

Articolo precedente
Cutrone André SilvaAndré Silva arma letale: «Con l’umiltà i risultati arrivano, posso giocare anche senza Cutrone».
Prossimo articolo
Lazio, Inzaghi piange ancora: (anche) questa volta ce l’ha col Milan