Connettiti con noi

Esclusive

MN24 – Milan Club London: «Il Milan qui è simile al Manchester United»

Pubblicato

su

In esclusiva ai microfoni di MilanNews24, Jacopo Pistone del Milan Club London ha risposto ad alcune nostre domande

In esclusiva ai nostri microfoni, Jacopo Pistone del Milan Club London ci ha raccontato le sensazioni dall’Inghilterra attorno all’ambiente Milan. Dalla doppia sfida al Manchester United fino al rimpianto Tomori per i tifosi del Chelsea. Ecco di seguito l’intervista completa.

Quest’anno il Milan è tornato ai livelli che più gli competono. Sta lottando per i primi posti in campionato e si gioca una sfida europea affascinante contro il Manchester United. In Italia la stagione rossonera è vista quasi come un mezzo miracolo. In Inghilterra invece come viene giudicata fin qui l’annata della squadra di Pioli alla luce della prestazione nella gara di andata?

«Qui c’è la stessa visione. Durante la gara di andata in telecronaca Paul Scholes ed Owen Hargreaves si dicevano sorpresi sia dalla prestazione che in generale della stagione del Milan, che sta rendendo oltre i pronostici. Lo paragonano un po’ al Manchester United, tornato ai vertici ma che al momento occupa una posizione più alta di quella che chiunque si aspettava. Gli inglesi non pensavano che il Milan potesse strappare un pareggio a Manchester giocando tra l’altro così bene.»

Leggendo alcuni commenti sui social, molti tifosi del Manchester United hanno definito sfortunato il sorteggio che li ha messi di fronte al Milan. Si può dire dunque che i rossoneri restano sempre un avversario temuto e rispettato in Europa?

«Di certo gli inglesi conoscono gli anni difficili che abbiamo passato ma allo stesso tempo sanno che noi siamo sempre stati una squadra temibile in Europa e questo non cambia. Alcuni miei amici tifosi del Manchester United al termine del sorteggio mi hanno scritto subito dicendo che non poteva andargli peggio.»

Uno dei giocatori che più ha sorpreso nelle ultime settimane è Tomori. Tu che vivi da vicino la Londra calcistica, come hanno preso i tifosi del Chelsea la sua cessione ed il rischio di doverlo perdere a fine stagione, qualora il Milan decidesse di riscattarlo?

«Malissimo. I tifosi del Chelsea sono rimasti molto sorpresi dal fatto che Lampard lo abbia lasciato andare ma soprattutto con un diritto di riscatto così basso considerando che è un giocatore di grande prospettiva. Guardando come gioca al Milan adesso, lo stanno rimpiangendo tanto e ci sono state molte critiche per questa operazione.»

Parlando invece di Diogo Dalot. In questa stagione al Milan sta mostrando le sue qualità a sprazzi. Essendo in prestito secco, quali sono le sensazioni in Inghilterra su un suo eventuale ritorno?

«Di sicuro al Manchester United non lo attendono con ansia. La stampa non lo ha seguito particolarmente ed i tifosi non si stanno di certo mangiando le mani. C’è da dire che in molti gli hanno riconosciuto l’ottima prestazione nel match di andata e che, se dovesse tornare, sarebbe un giocatore con più esperienza. Certamente non si aspettano di avere un futuro titolare.»