Milan-Parma: qualità e palleggio per i rossoneri con Cutrone ancora mattatore

Cutrone
© foto www.imagephotoagency.it

Il Milan contro il Parma ha controllato il gioco per tutto il match. Cutrone si conferma un bomber di razza ma i rossoneri subiscono ancora gol

Oggi l’allenatore Gennaro Gattuso avrà poco da rimproverare ai propri giocatori. Il Milan affronta il Parma a San Siro con un cambio di modulo rispetto alla partita con il Dudelange in Europa League. Il tecnico rossonero sceglie un 4-3-3 con Ignazio Abate difensore centrale e la conferma di José Mauri a centrocampo. I padroni di casa fin dai primi minuti controllano il gioco nonostante il pressing particolarmente aggressivo dei Ducali. Il Milan dominano sul piano del palleggio ma non riescono ad essere davvero pericolosi in zona gol. Il primo tempo si conclude con oltre il 70% di possesso palla per la squadra di Gattuso. La seconda frazione si apre come quella precedente, con il Milan che fraseggia e il Parma che fatica ad aggredire gli avversari. Al 49esimo sono però i gialloblu a passare in vantaggio con Roberto Inglese. L’attaccante anticipa Tiemoue Bakayoko e batte Gigio Donnarumma con un colpo di testa imprendibile per il portiere rossonero. L’1 a 0 è comunque destinato a durate poco. Al 55esimo Patrick Cutrone recupera il pallone dal limite dell’area e da solo supera Luigi Sepe con un diagonale preciso che si stampa prima sul palo. Dopo il gol, il 18esimo per il numero 63 da quando Gattuso allena il Milan, Cutrone chiama a raccolta la squadra. Al 71esimo Alessandro Bastoni colpisce di mano di area e l’arbitro Giampaolo Calvarese assegna il rigore dopo aver visionato il VAR. E’ Franck Kessié a segnare il gol del 2 a 1 per il Milan. Nel finale i rossoneri avrebbero anche potuto dilagare grazie a numerose ripartenze.

Difficile trovare qualche insufficienza tra le file dei rossoneri nonostante le tante defezioni della rosa e il fatto di non aver potuto recuperare a pieno dovendo giocare domenica mattina dopo le fatiche in coppa. Nelle ultime settimane abbiamo visto un Milan che è riuscito a fare discreti risultati ma sempre soffrendo e mettendo anima e corpo sul campo. Oggi la squadra di Gattuso ha invece fatto vedere tutta la sua qualità al pubblico di San Siro ripartendo quasi sempre dal portiere, come gli impone il suo tecnico, e cercando sempre di far girare il pallone con attenzione e precisione. L’unico neo è l’ennesimo gol subito, il terzo su palla inattiva in questa stagione. Gattuso può comunque dirsi soddisfatto della prestazione della squadra in un momento particolarmente difficile come quello che stanno vivendo i rossoneri. Il calendario sulla carta sorride al club di via Aldo Rossi e con questo spirito si può pensare di arrivare alla sosta in zona Champions League. Il Milan infatti in attesa della Lazio, che affronterà il Chievo in trasferta alle 18, aggancia momentaneamente il quarto posto.

Articolo precedente
Zapata AbatePagelle di Milan-Parma 2-1: bene la difesa, Cutrone gol alla Higuain
Prossimo articolo
CutroneCutrone non ha paura di Ibra: «Penso al bene della squadra»