Connettiti con noi

Editoriali

Milan femminile in semifinale di Coppa Italia: basta un “nervoso” 0-0

Luca Maninetti

Pubblicato

su

Il Milan femminile pareggia 0-0 contro il Sassuolo e si qualifica alle semifinali di Coppa Italia, dopo un match teso e nervoso

Il Milan femminile pareggia 0-0 contro il Sassuolo e si qualifica alle semifinali di Coppa Italia, merito anche del risultato del match di andata, conclusasi 1-1.

Gara molto equilibrata e bella da vedere nella prima frazione di gioco con il Sassuolo in possesso del pallone ma le rossonere vicine al gol in tre occasioni, su tutte con Dowie che si trova di fronte una super Lemey. Ripresa completamente l’opposto: squadre bloccate tatticamente e troppi errori in fase di costruzione. Il Milan femminile non riesce ad imbastire gioco e il team di Piovani attacca a testa bassa.

Ne esce un mix di nervosismo e tensione a mille, con la paura di sbagliare e commettere errori fatali. Poi ci si mette pure il desiderio di non perdere tempo (Sassuolo)e l’egoismo, contro la rabbia (Milan): è il caso di Valentina Giacinti a terra dolorante in mezzo al campo. Le neroverdi non calciano fuori il pallone e Boquete si infuria: faccia a faccia con Pirone che le risponde a tono. Ipotesi rissa immediatamente placata dal giudice di gara Marotta, che mette subito tutte quante in riga.

Protagoniste sono soprattutto le panchine con Ganz deluso dal secondo tempo delle proprie ragazze ma abile ad intervenire per sistemare il proprio scacchiere di gioco, inserendo Hasegawa per offrire maggiore fluidità alla manovra e Mauri per chiudere le linee avversarie. Infine come ultimo cambio toglie una spenta Giacinti per inserire una Conc di spaccatura. Mosse intelligenti.

Dall’altra un Piovani versione Etna esplosiva, inbufalito per le decisioni dell’arbitro Marotta (una su tutte il fallo su Pirone, molto sospetto in area rossonera) e innumerevoli contatti fortuiti, che venivano mal digeriti dal tecnico emiliano. Il tutto condito con alcune scelte tattiche discutibili come per esempio il cambio di Bugeja ad inizio ripresa.

Insomma una gara “nervosa” e non graditissima da vedere nel complesso. Ne esce vincitore il Milan femminile che raggiunge la semifinale e attende il match di domani tra Fiorentina e Inter per conoscere la sua prossima avversaria.

Advertisement