Juventus-Milan, l’avrà vinta Sarri ma sicuramente non l’ha persa Pioli

Pioli Sarri
© foto www.imagephotoagency.it

La sconfitta di questa sera è assolutamente immeritata. Il Milan (per la prima volta quest’anno) ha convinto

Ottima prova, forse la migliore della stagione, quella vista questa sera all’Allianz da parte del Milan, che ha giocato alla pari contro una Juventus distante ben 19 punti, e che vanta tra i propri uomini davvero poche insufficienze.

Pressing e baricentro alto e tanti tiri in porta, non una cosa scontata per chi gioca nella casa della Juventus, il primo tempo del Milan che però si conferma (anche se un po’ più compassati) anche nella ripresa. Il cambio di Pioli che sceglie di togliere Piatek (la brutta copia di quello ammirato l’anno scorso) per un Rafael Leao combattivo e dai movimenti da prima punta moderna sconquassano la Juventus che per la prima volta nella gara si sente davvero alle corde.

Sul più bello è però Sarri, che ammutolendo la piazza di Torino, decide di sostituire Cristiano Ronaldo per chiamare in campo il match-winner (una costante oramai) Paulo Dybala. Proprio una sua combinazione tra l’argentino e Douglas Costa (altro cambio vincente di Sarri) sbloccano la partita permettendo alla Juventus di vincere ancora e al Milan di perdere immeritatamente.

La gara dunque l’ha risolta Sarri (e Dybala) ma uscire dallo Stadium con zero punti è una vera e propria ingiustizia per Stefano Pioli per il Milan che ora avranno la sosta per far sbollire la rabbia ma soprattutto per ripartire dalla prima vera convincente prestazione della stagione.