Il Giorno: Italia-Germania 50 anni dopo, Rivera fa la storia

Rivera
© foto Gianni Rivera, soprannominato 'Golden Boy'

Il Giorno: giovedì 11 giugno, Italia-Germania 50 anni dopo, Gianni Rivera protagonista assoluto, le sue parole

Ai microfoni de Il Giorno, parla il protagonista assoluto di Messico ’70, Gianni Rivera, grande ex centrocampista e bandiera rossoneri. Ecco le sue parole sul glorioso Mondiale:

Sul match: «Fu una classica gara all’italiana. Segnammo noi per prima, poi a pochi minuti dalla fine dei tempi regolamentari pareggiarono loro. Nel primo tempo supplementare i tedeschi si portarono in vantaggio ma noi rispodemmo presenti e ribaltammo le sorti della sfida. Sembrava finita e invece a pochissimi minuti ci punirono su calcio d’angolo».

Prosegue: «Mi sentivo responsabile e dunque volevo a tutti i costi segnare. Presi la palla a centrocampo, volevo dribblarli tutti e andare in porta. Ma vidi un muro bianco di maglie avversarie. Passai corto a Facchetti, che lanciò Boninsegna sulla sinistra, lui resistette a una carica, andò sul fondo e crossò rasoterra in area e Istinto, tecnica e talento. Ero partito per mettere la palla di sinistro sul palo opposto. Con la coda dell’occhio vidi il portiere andare da quella parte e in una frazione di secondo cambiai idea: colpii di piatto destro. Presi Maier in contropiede e fu il 4-3».