Connettiti con noi

HANNO DETTO

Galli: «Milan, Traore è un colpo! Se avessi 25 milioni li spenderei per lui»

Pubblicato

su

Galli: «Milan, Traore è un colpo! Se avessi 25 milioni li spenderei per lui». Parla lo scopritore del talento ivoriano

Giovanni Galli, ex portiere e scopritore di Hamed Junior Traore, parla così dell’obiettivo di mercato del Milan a La Gazzetta dello Sport.

TRAORE PRONTO PER IL MILAN – «Assolutamente sì, già allora aveva grande personalità e in questi anni è cresciuto tantissimo sotto questo aspetto. Io credo che sia pronto per giocare in una grande squadra come il Milan e per affrontare palcoscenici prestigiosi come quello della Champions League. È un ragazzo nato per prendersi responsabilità in campo».

RUOLO – «Partiamo da una premessa: un trequartista non si inventa dal nulla, specialmente perché parliamo di un ruolo che è cambiato moltissimo negli anni. Avendo seguito Traore con attenzione in queste stagioni, sono convinto che il meglio di sé lo abbia fatto vedere nella posizione di esterno alto sinistro, grazie anche al grande lavoro di Dionisi. Traore ha corsa, resistenza, attacca benissimo la profondità ed è molto forte nell’uno contro uno. La facilità che ha nel puntare la porta è una qualità che non dovrebbe perdere. Non so se spostandolo in una posizione più centrale possa essere altrettanto devastante: dovrà imparare a giocare spalle alla porta, a giocare in diagonale, penso che per fare di Hamed un vero trequartista occorra lavorarci su per un po’. Probabilmente Maldini avrà visto nel giocatore delle potenzialità anche in quella posizione. Resta il fatto che è pur sempre arrivato secondo… (risata, ndr)».

TRAORE PIANO B? – «Sarà un colpo. Se avessi 25 milioni da investire per un profilo giovane ma già pronto per un club come il Milan, li spenderei senz’altro per Traore. Anche perché è un profilo che si sposa perfettamente con la filosofia del club, in Italia non ci sono molte società che investono sui giovani di talento per vincere. Senza voler mancare di rispetto a nessuno, dico che in Italia oggi Gazidis è il miglior manager dal punto di vista societario: in quattro anni lui e la proprietà hanno risanato i conti del Milan, riportandolo a vincere lo scudetto».