Davide Calabria patrimonio del Milan: 50 presenze e piglio da veterano

Calabria
© foto www.imagephotoagency.it

Elogio doveroso a Davide Calabria, il più forte terzino destro del campionato che, a soli 21 anni e 50 presenze, promette di essere uno delle future colonne portanti di Milan e Nazionale

Altra convincente prova di Davide Calabria che si conferma tra gli uomini maggiormente in forma nell’intera rosa milanista. A soli 21 anni Calabria ha avuto l’abilità di ritagliarsi un posto fondamentale sulla corsia di destra, orfana di Conti, sapendo interpretare al meglio il calcio chiesto da Gattuso: sempre attento in difesa, oggi ha anche salvato un gol respingendo sulla linea, Calabria è motore instancabile della fascia destra milanista offrendosi sempre per il raddoppio alle spalle di Suso e liberando così lo spagnolo che, quando è in grazia, sa approfittare nel migliore dei modi. Mai sopra le righe e sempre acuto e tatticamente senza sbavature l’apporto di Davide quest’anno è uno tra i più costanti dell’intero roster, il ché lo candida con assoluta certezza a futuro titolare nel ruolo di terzino destro anche in Nazionale dove, clamorosamente, non ha ancora esordito.

Autore di un gol e tre assist in 20 gare disputate in campionato, Calabria rappresenta uno dei patrimoni più cristallini del Milan che, anche oggi contro il Bologna, ha schierato ben 4 calciatori provenienti dal proprio settore giovanile tornato finalmente fiorente e soprattutto utile in primis alla causa rossonera dopo le troppo repentine cessioni avvenute in passato di Cristante, Darmian e Verdi. Grazie alla sua abnegazione e professionalità Calabria è ad oggi il miglior terzino destro del nostro campionato e il tutto dopo solo 50 presenze con la maglia del Milan, non male per una società che per molti non riesce a programmare nel lungo periodo.

Articolo precedente
Gattuso: «Pecco d’inesperienza, ma siamo una squadra giovane. A volte vorrebbero prendermi a testate»
Prossimo articolo
Cutrone André SilvaMilan, il Verona prima della finale di Coppa Italia: urge ritrovare l’attacco