Connettiti con noi

Editoriali

Milan, Romagnoli vuole restare: il rinnovo non sembra più impossibile

Pubblicato

su

Alessio Romagnoli ha espresso la netta volontà di rimanere al Milan: il capitano rossonero non ha nessuna intenzione di lasciare Milanello

Alessio Romagnoli e il Milan, una storia che potrebbe andare avanti anche oltre il prossimo 30 giugno, data di scadenza dell’attuale accordo. Aldilà delle voci emerse in giornata e prontamente smentite dal Milan sulla possibilità che le parti stessero trattando il rinnovo senza l’intermediazione dell’agente del centrale italiano, Mino Raiola, ciò che emerge da questa vicenda è il forte attaccamento dell’ex Roma ai colori rossoneri.

Del resto Romagnoli si è sempre saputo distinguere per professionalità e dedizione alla causa. Mai una parola fuori posto, mai una critica volta a destabilizzare un tecnico, Pioli, che gli ha fin da subito preferito Fikayo Tomori. Quante volte abbiamo visto capitani anche famosi sbraitare a mezzo stampa in situazioni simili? Gesti da condannare, certo, ma allo stesso tempo comprensibili se si pensa che il classe ’95 milita a Milanello da ormai sette anni.

E invece, sulla scia dei suoi importantissimi predecessori, Romagnoli si è comportato da vero capitano anteponendo ai suoi legittimi interessi personali quelli dei compagni. Calatosi perfettamente nel ruolo di co-titolare, l’ex Sampdoria sembra aver capito come restare in un club in crescita e con prospettive sia più saggio che cercare fortuna altrove, anche a costo di guadagnare meno.

Criminalizzare Mino Raiola inoltre appare francamente eccessivo. L’esito della vicenda Donnarumma non deve ingannare e non deve nemmeno far credere che sia più opportuno chiudere definitivamente i rapporti con l’italo-olandese. Quello che conta alla fine è sempre la volontà del calciatore e se l’esito della vicenda Romagnoli sarà quello dell’agognato rinnovo sarà la dimostrazione di come le schermaglie economiche possano essere superate se alla base c’è rispetto e senso di appartenenza reciproco. Nessuna ansia e nessuna fretta, dunque. La strada appare tracciata: Romagnoli ha tutta l’intenzione di continuare ad essere orgogliosamente il Capitano del Milan.