MN24 – La mossa vincente del Milan nell’entrare nella galassia eSports

Gazidis
© foto Il Milan targato Gazidis si prepara ad un altro 'anno zero'

Siamo entrati in contatto con Claudio Pavesi di Outpump per farci spiegare meglio alcuni aspetti della digital strategy del Milan

Il fenomeno digitale è una realtà che difficilmente la società in cui viviamo, all’alba del 2020, può permettersi di ignorare. Specialmente se una Pandemia ancora in atto ne ha accelerato esponenzialmente gli effetti sulle nostre vite. Anche il mondo del calcio oggi deve accettare questa rivoluzione e non solo, deve anche imparare ad accoglierla e saperci camminare fianco a fianco. Social network, marketing, comunicazione digitale: è da questi aspetti che il business calcistico troverà nuova linfa e accumulerà nuove finanze.

Il Milan fa parte di quei club in Europa che sono riusciti a intercettare questo radicale cambiamento e attraverso una serie di oculate e lungimiranti scelte sta tentando di costruire le fondamenta per un roseo futuro. Per approfondire il tema in questione, la nostra redazione è entrata in contatto con Claudio Pavesi, editor-in-chief di Outpump, sito di riferimento per quanto riguarda musica, moda e sport. Di seguito vi riportiamo la questione riguardante l’ingresso negli eSports:

Non solo il campo da calcio, i rossoneri hanno capito l’importanza di puntare anche su altri aspetti. In questo senso è emblematico l’ingresso negli eSports e la partnership con QLASH

«Il Milan è stata una delle ultime squadre ad essere entrata nella galassia eSports, ma la mossa vincente è rappresentata dal fatto che la partnership stretta è molto più grande rispetto a quella di altri club. Spesso le società si rivolgono a team/associazioni del mondo eSports e richiedono solamente la squadra di FIFA. Il Milan invece ha voluto puntare su più giochi, su più piattaforme, delegando anche la sfera del marketing. Il Diavolo si è rivolto a un professionista del settore, consapevole di poter apprendere molto da questo nuovo accordo».