CorSera – Pioli lascia da parte la tattica: al Milan meno pensieri e più intensità

Pioli
© foto www.imagephotoagency.it

Secondo quanto riportato dal Corriere della Sera il lavoro di Pioli al Milan si sta concentrando più sul lato mentale

Nell’edizione odierna il Corriere della Sera parla del Milan e della nuova metodologia di lavoro di Pioli. «Milan: meno pensieri, più intensità. Leao punto fisso, Piatek vecchio stile», Pioli mette da parte la tattica, chiede corsa e pressing. Biglia uomo spogliatoio.

UN NUOVO METODO DI LAVORO –  Una nuova filosofia, molto più concreta, è sbarcata a Milanello dopo l’esonero di Giampaolo: colloqui individuali, obbligo di fare colazione e pranzo tutti insieme prima degli allenamenti. Al momento la tattica non è una questione prioritaria: per Pioli il Milan non è affatto quello che si è messo in luce nelle prime 7 giornate e per farlo rendere al meglio la cosa migliore è sottrarre informazioni, non aggiungerle.

MENO TATTICA – Tanto lavoro mentale, lavoro sul pressing corale e sull’amalgama del gruppo: i rossoneri infatti prima di diventare una buona squadra devono diventare una squadra. In questo senso per l’ex tecnico della Lazio una figura di assoluto riferimento sarà quella di Lucas Biglia. Dopo i primi mesi fallimentari della gestione Giampaolo, Pioli vuole portare la sua visione concreta del calcio: più elasticità, più scelte condivise.

La prima missione del mister sarà quella di recuperare Piatek, ancora a secco su azione in questa stagione. Il Pistolero è tornato a Milanello soltanto ieri e l’obiettivo è quello di porlo nuovamente come terminale offensivo nel 4-3-3, lo stesso modulo di Gattuso, ideale per far esprimere al meglio le qualità del polacco.