André Silva ha già fatto meglio al Siviglia che al Milan, riscatto scontato?

André Silva
© foto Twitter

Il presidente del Siviglia parla già di riscatto per André Silva, il centravanti portoghese ha già fatto meglio in sette partite in Spagna che in un anno al Milan

André Silva ha iniziato la propria stagione nella Liga con la maglia del Siviglia nel miglior modo possibile. Dopo la tripletta all’esordio (record storico) contro il Rayo Vallecano, il centravanti portoghese ha collezionato con il club andaluso 4 reti e 1 assist nelle prime sette partite superando già il proprio score in campionato con la maglia del Milan. Le reti in rossonero, conteggiando le 8 in Europa League, si sono fermate a due in campionato nonostante le oltre 20 partite disputate. Un inizio al di sopra delle più rosee aspettative che al momento sembra orientare il Siviglia ad esercitare il riscatto da 30 milioni fissato la scorsa estate. Una cifra che permetterebbe al Milan di non effettuare minusvalenze ma che, a seconda dell’andamento del portoghese in stagione, potrebbe addirittura suonare come una beffa negli uffici di via Aldo Rossi.

«Abbiamo un diritto di riscatto e speriamo di esercitarlo – le parole del dirigente del Siviglia -. Non importa la somma che dovremo pagare, il prezzo di un giocatore dipende dal suo rendimento». Parole importanti da parte del numero uno andaluso che punta così a far proprio il cartellino del centravanti portoghese, decisivo nella sfida di Nations Cup contro l’Italia. Nel frattempo il Milan attende la prima rete ufficiale con la maglia rossonera di Gonzalo Higuain che a Cagliari guiderà l’attacco del Diavolo per la terza volta consecutiva. Problemi alla caviglia  invece per Cutrone, l’uomo “preferito” da Leonardo proprio all’ormai ex André Silva, che ha già timbrato il cartellino alla prima a San Siro contro la Roma.

Articolo precedente
Michela PersicoIl Processo di Biscardi ha una nuova presentatrice: Michela Persico – VIDEO
Prossimo articolo
L’arbitro di Cagliari-Milan: i precedenti con Abisso chiamano il rigore