Le PAGELLE del MILAN | MilanNew24

Le PAGELLE del MILAN


Le pagelle del Milan:

Donnarumma 5 - Il suo errore pesa e condiziona la partita del Milan. Per il resto, si fa trovare pronto quelle poche volte che viene chiamato in causa.

Calabria 6,5 – Preciso in fase difensiva, prova anche qualche sortita offensiva.

Paletta 5,5 – Più insicuro rispetto al solito, gioca qualche pallone rischioso di troppo.

Romagnoli 7 – Non sbaglia nulla in difesa e fa salire la squadra quando imposta da dietro. Sfortunato nel finale quando colpisce il palo.

Vangioni 6 – Montella gli ordina di giocare più alto rispetto al solito. Prova qualche iniziativa in attacco con esiti alterni.

Pasalic 6,5 – Il gol a fine primo tempo è importante. È l’unico dei centrocampisti a tentare incursioni in area.

Sosa 5,5 – Utile a gestire la palla, ma gioca a ritmi troppo bassi per creare azioni pericolose. Impreciso anche nei calci piazzati.  (70’ Locatelli 5,5 Non dà le geometrie che ci si aspettava)

Mati 5 – Non prende mai l’iniziativa come vorrebbe Montella e soprattutto non fa inserimenti senza palla. Un passo indietro rispetto al giocatore delle ultime partite. (76’ Kucka 5,5 – Tocca pochi palloni, svirgola una conclusione in area di rigore)

Ocampos 5 – Nervoso e confusionario, soffre le sportellate dei difensori avversari.

Bacca 5,5 – Non sempre indovina i movimenti, ma ha il merito di difendere il pallone che avvia l’azione del pareggio.  (58’ Lapadula 6 – Si batte in area e sfiora il vantaggio nel finale).

Deulofeu 7 – Parte male, poi Montella lo sposta a destra. È dalle sue iniziative che nascono le occasioni più importanti dei rossoneri. Il gol del pareggio è il risultato di una sua invenzione.

Montella 5 – La squadra soffre il pressing del Pescara e parte con il baricentro troppo basso. Kucka dall’inizio sarebbe stato molto utile. I cambi arrivano tardi.

02/04/2017 16:58
Marco Rizzo
Focus

Classifica Serie A offerta da Livescore.it

©MILANNEWS24.COM è una testata giornalistica (Aut. 1/2016 Tribunale di Reggio Calabria). Direttore: Mario Labate