ESCLUSIVA – RUSSO DE CERAME: “Mercato rivedibile, soprattutto in uscita. Mati? Il Milan ha ragione”

© foto www.imagephotoagency.it

di Matteo Pifferi e Francesco Guarnaccia

La redazione di MilanNews24 ha intervistato in esclusiva Davide Russo de Cerame, giornalista di TeleLombardia, Antenna3 e TopCalcio24, in merito al calciomercato del Milan, stroncato dai media ma con qualche spunto (positivo) di riflessione.

Ciao Davide: da esperto di mercato quale sei, come giudichi il trimestre rossonero?

Il mercato del Milan non è stato esaltante. A livello d’uscite non sono state fatte grandi cose: Josè Mauri è andato in prestito all’Empoli, Diego Lopez è stato ceduto in prestito all’Espanyol ed Milan pagherà più della metà dello stipendio, ossia 3 milioni lordi a differenza dei 2 degli spagnoli. Discorso analogo per Menez, con il giocatore che ha accettato il Bordeaux con un anno d’anticipo rispetto alla scadenza del contratto e per questo il club rossonero ne pagherà parte dello stipendio. Non ha incassato nulla a parte i soldi di El Sharaawy, ma era un riscatto obbligatorio quello a favore della Roma. Gli unici “colpi di mercato” in uscita sono stati quelli di non rinnovare i contratti di Mexes, Alex e non trattenere Balotelli, situazioni che hanno portato un ritorno economico importante. In entrata l’unico acquisto degno di nota è secondo me quello di Pasalic, anche se la formula (prestito con diritto di prelazione e non di riscatto) è alquanto rivedibile. Questa formula significa che il prossimo anno il Chelsea vorrà puntarci, quindi no so quanto convenga al Milan. C’è da dire che è stato positivo trattenere Romagnoli e Donnarumma, un bel segnale per il Milan che verrà.

La sensazione di gran parte dei tifosi è che l’acquisto di Lapadula sia stato fatto dando per scontato l’addio di Bacca: è stato così?

Sì, Lapadula era stato preso per essere l’alternativa all’attaccante che sarebbe stato preso al posto di Bacca. Per il ruolo di attaccante centrale si sono fatti tanti nomi ma il Milan ne ha trattati pochi. Essendo poi saltata la cessione del colombiano, Lapadula sarà il suo vice o in alternativa, se Montella deciderà di giocare col trequartista e le due punte, sarà impiegato come seconda punta. Lapadula sarà la prima scelta a Bacca visto che Luiz Adriano, tra gli attaccanti a disposizione di Montella, sembra quello con meno chance là davanti.

Il caso Mati Fernandez, invece, ha fatto molto discutere. Soprattutto non l’hanno presa bene dal fronte Cagliari.

A mio avviso sono delle situazioni normali che possono succedere durante una trattativa last-minute. A Capozucca non è andato giù il fatto di aver perso il calciatore; gli è stato scippato di mano. Il Cagliari aveva già trovato l’accordo con la Fiorentina, ma Mati Fernandez ha deciso di scegliere i rossoneri. Per fare tutto ciò, Milan-Fiorentina e il calciatore dovevano essere d’accordo. Lo sbaglio del Cagliari è stato quello di non aver rilanciato l’offerta. C’è da considerare anche la volontà del calciatore che, una volta saputo l’interesse del Milan, ha deciso di raggiungere Montella. Non vedo nessuna irregolarità.

Prima del cileno, però, sono stati accostati circa 7/8 nomi solamente nell’ultimo giorno di mercato. Illazioni giornalistiche o qualcosa di vero c’era?

Sicuramente la prima. Il Milan l’ultimo giorno di mercato non poteva prendere nessuno dei calciatori che sono stati accostati. Fabregas, Ramsey e Wilshere non sono profili che si possono spostare l’ultimo giorno di mercato e soprattutto considerando le difficoltà economiche momentanee del club rossonero. L’unico calciatore che avrebbero potuto prendere era Caceres che è ancora svincolato ma viste le sue condizioni fisiche, si è preferito non puntarci.

La trattativa Bentancur è stata archiviata dopo il no della Juventus?

È vero, Galliani voleva prendere Bentancur. Nel momento in cui si sono resi conto che c’era di mezzo la Juventus si è preferito cambiare obiettivo, anche se lo si è fatto tardi. Avevano scelto il giocatore sbagliato su cui puntare anche se è un profilo piuttosto interessante e che avrebbe fatto comodo al centrocampo di Montella. Avendo dovuto cambiare obiettivo è stato ripreso il discorso per Sosa ed in poche ore, a sorpresa, è stato annunciato il suo acquisto.

Proiettandoci già, tra poco più di tre mesi, come pensi si articolerà il mercato invernale?

Al momento è presto per parlare del mercato di gennaio. Finchè non ci sarà il closing finale è inutile fare dei nomi. Solo quando ci saranno i soldi, si potrà iniziare a ragionare in ottica mercato. Certo è che se il club rossonero finirà finalmente nelle mani dei cinesi, qualche colpo interessante lo si potrà vedere anche a gennaio. I tifosi lo sperano, vediamo se le speranze saranno accompagnate dai fatti.